il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Scoop

Scoop

(26 Maggio 2010) Enzo Apicella
Varata la manovra economica da 24 miliardi di euro: sotto attacco gli stipendi e le pensioni.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Frosinone/Rieti. Aree di crisi complessa. PCI: subito un intervento per i lavoratori senza soldi dal 2 gennaio 2020
    Già da prima del coronavirus questi lavoratori attendevano un sostegno, ora è dramma sociale
    (29 Marzo 2020)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Senza casa mai più!)

    Nove mesi e non c'è neanche l'Assessore alla Casa: Roma chiede 10mila case popolari

    Oggi manifestazione cittadina in Campidoglio: l'Unione Inquilini invita al Giunta al dialogo

    (14 Marzo 2017)

    unioneinquilini

    Dopo nove mesi dall’insediamento della nuova giunta, il sindaco Raggi deve ancora assegnare la delega alle politiche abitative mentre il disagio dei cittadini romani continua drammaticamente a crescere giorno dopo giorno.

    In questi mesi, il sindaco ha deliberatamente ignorato qualsiasi nostra richiesta di incontro e di discussione. Si pretende di imporre la regola del “non parlare al conducente”, ma Roma una guida non ce l’ha e il guidatore è assente da giugno!

    La latitanza del comune è inammissibile ed alimenta lo stato, già drammatico, di incertezza e di disagio in cui sono costretti a vivere i cittadini socialmente più fragili.
    Oggi indirizziamo alla giunta e ai consiglieri comunali l’ennesimo invito al dialogo e al confronto. Alle 16 saremo in campidoglio con centinaia di inquilini, di precari della casa e di sfrattatati per chiedere che il comune si attivi per dare impulso a una vera politica della casa. A Roma oltre 10mila persone in sofferenza abitativa sono in lista d’attesa per l’assegnazione di una casa popolare: chiediamo appunto di realizzare gli alloggi per dare risposta a questo fabbisogno, riconvertendo ad uso abitativo l’immenso patrimonio immobiliare abbandonato della città destinandolo ad uso abitativo popolare.

    Perché la priorità di Roma non è lo stadio, ma la sofferenza abitativa

    La Segreteria dell'Unione Inquilini di Roma

    3914