il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

F35 go home

F35 go home

(31 Luglio 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(No basi, no guerre)

ABBASSO IL G7 IMPERIALISTA!
SVILUPPIAMO LA RESISTENZA E LA SOLIDARIETA’ OPERAIA E POPOLARE!

(22 Maggio 2017)

La scelta di svolgere il vertice del G7 a Taormina è funzionale alla logica di chi vuole fare della Sicilia una terra sempre più asservita al capitale finanziario internazionale, zeppa di basi militari, logistiche e spionistiche USA, NATO e italiane, ostile all’accoglienza dei migranti, costretta a subire i peggiori disastri ambientali (dai grandi impianti inquinanti, all’aumento di inceneritori e discariche), mentre disoccupazione e miseria dilagano.

Il G7 di Taormina ribadisce il ruolo assegnato alla Sicilia dall’imperialismo USA e dal suo vassallo italiano: una piattaforma geo-strategica per il controllo del Mediterraneo, del Nord Africa e del Medio Oriente. A ciò si aggiunge oggi la funzione di “protezione” delle frontiere meridionali della “fortezza Europa”. Un territorio dunque a sovranità fortemente limitata, in cui la mafia svolge un ruolo non secondario all’interno del fronte dell’imperialismo occidentale.
I capi delle potenze imperialiste che si riuniscono a Taormina mirano a definire e coordinare linee comuni d’intervento sui problemi fondamentali della politica e dell’economia capitalistica mondiale che non cresce più a ritmi sostenuti, mentre le disuguaglianze aumentano. L’obiettivo è mantenere unito un blocco in cui appaiono molte crepe. Il rafforzamento della lotta per i mercati e le sfere d’influenza, le guerre valutarie e commerciali, l’emergere del protezionismo e del dumping, così come del nazionalismo in campo politico, minano l’unità di interessi dei predoni del globo e creano le premesse di nuovi conflitti militari per la ripartizione del mondo.
Ma a cosa serve questa unità che il G7 persegue? A incrementare lo sfruttamento, la precarietà e la povertà della classe operaia e delle masse lavoratrici per mezzo delle “riforme strutturali” e di nuovi sacrifici; a difendere i privilegi di un pugno di nazioni imperialiste che rapinano e schiacciano i popoli dei paesi dipendenti; ad estendere le politiche di guerra in nome della lotta a quel terrorismo che è suscitato e supportato dalle stesse potenze che si riuniscono a Taormina; ad alimentare le ingiustizie sociali e il razzismo; a rinviare ogni soluzione sulla drammatica crisi ambientale, per continuare a devastare il pianeta in nome del massimo profitto.
Contro il G7 si è sviluppata in questi mesi un’ampia mobilitazione, che ha visto fra i protagonisti i Comitati No Muos e le associazioni contro la guerra, le realtà territoriali che si oppongono alla logica imperialista, i lavoratori, i disoccupati, i migranti, gli studenti e tutte le altre vittime delle politiche imperialiste.
Con le assemblee, il controvertice e la manifestazione nazionale del 27 maggio a Giardini si è costruito un percorso di lotta e di confronto teorico-pratico dal basso su questioni come economia, migrazioni, guerre, ambiente, etc. per ribadire gli interessi dei lavoratori e dei popoli contro quelli del capitale monopolistico finanziario e delle grandi potenze imperialiste, per riconquistare gli spazi di democrazia negati.

Noi comunisti (marxisti-leninisti) siamo parte integrante di questa opposizione antimperialista e pertanto lanciamo un appello a tutte le compagne e i compagni a rafforzare la mobilitazione di massa e rilanciare l’alternativa al marcio mondo del G7: la rivoluzione e il socialismo!
21 Maggio 2017

Piattaforma Comunista – per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «No basi, no guerre»

Ultime notizie dell'autore «Piattaforma Comunista»

5120