il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Per i tre operai della Fiat

Per i tre operai della Fiat

(25 Agosto 2010) Enzo Apicella
Melfi. La Fiat licenzia tre operai, il giudice del lavoro li reintegra, la Fiat li invita a rimanere a casa!

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

Estorsori del tempo

Contro l'aumento degli orari e delle giornate di lavoro

(17 Luglio 2005)

Brutti tempi!!

Nelle fabbriche, negli uffici, nelle catene commerciali, dappertutto oggi i padroni hanno un solo obiettivo : mettere ulteriormente le mani sulla nostra esistenza, su quel poco tempo che ci rimane e che dedichiamo ai nostri affetti, alle nostre relazioni, ai nostri impegni extra, alla nostra crescita sociale e culturale.

Come moderni vampiri pensano di poter succhiare tempo vitale a ciascuno di noi come meglio credono, per sostenere i loro ingenti profitti!! Quando quest’ultimi [i profitti] si assottigliano per dinamiche del capitale (concorrenza, sovrapproduzione, recessione), i signori padroni come iene fameliche latrano ai quattro venti la loro sventura, minacciando licenziamenti, trasferimenti, chiusure. La promessa è sempre la stessa: salvaguardare i posti di lavoro, far ripartire l’economia, insomma pensare al domani e non all’oggi… A noi, lavoratori e lavoratrici, non dovrebbe rimanere altro che “sperare che il diavolo mantenga la parola !” (come scriveva qualcuno). Intanto però il sangue è stato succhiato, l’anima ceduta ed i vampiri ( i padroni) momentaneamente saziati.

Non bisogna più concedere loro una briciola del nostro tempo, né nelle fabbriche, né nei negozi, né negli uffici !!! Organizziamoci per rispondere d’ora in poi ad ogni ulteriore ESPROPRIAZIONE della nostra vita. Unifichiamo la risposta dei lavoratori dei diversi settori, in quanto il problema è di tutti.

La nostra forza sarà l’organizzazione e l’unita dei lavoratori da costruire attorno ad un obiettivo chiaro: respingere gli attacchi padronali alle condizioni di vita di tutti noi, lavoratori e le lavoratrici dell’industria, del commercio, ecc..

5722