IL PANE E LE ROSE - classe capitale e partito
La pagina originale è all'indirizzo: http://www.pane-rose.it/index.php?c3:o50324

 

Non è Maduro

(6 Agosto 2017)

nicolasmaduro

L'isterismo di massa porta a vedere nella situazione del Venezuela il problema più grande. Il paese, è vero, non è socialista, come dice la propaganda, anzi la produzione, basata soprattutto sul petrolio, è in gran parte quella tipica delle semicolonia. Ma non è Maduro che minaccia il mondo.
Non è Maduro che parla pubblicamente ogni giorno di sferrare il primo colpo atomico contro Russia e Cina, ripetendo su scala immensamente più grande, l'orribile crimine di Hiroshima e Nagasaki.
Non è Maduro che ha provocato due milioni di morti nel corso della guerra in Corea, e un numero imprecisato di cadaveri in Vietnam, alternando il lancio di napalm con quello diossina. Non è Maduro che ha devastato Iraq e Siria con bombardamenti spietati, distruggendo esseri umani e condannando i nascituri a malattie e idiotismo, coprendo Falluja di fosforo bianco e uranio impoverito. Se non è genocidio questo!
Non è Maduro che ha distrutto i cosiddetti paesi canaglia, dalla Somalia alla Libia, dall'Afghanistan al Sudan, provocando l'esodo verso l'Europa.
Non è Maduro a preparare continuamente rivoluzioni colorate, in cui ci si allea indifferentemente con nazisti o qaedisti, a fornire la busta paga mensile ai terroristi dell'ISIS (risulta non solo dalle rivelazioni di Assange che è la CIA a pagare gli stipendi, ma riconosciuto anche involontariamente dal Financial Times); a tenere in prigione oltre due milioni di persone, in gran parte neri o ispanici, incarcerati per i più futili pretesti.
Non è Maduro che dichiara la guerra commerciale al mondo intero, minacciando sanzioni che distruggeranno l'economia europea,come risulta dai diktat del Congresso americano.
Non è Maduro a portare la guerra in Yemen, facendo mancare cibo e medicine, facendo dilagare il colera.Non è lui che impicca in piazza gli oppositori o li crocifigge.
Non è Maduro che bombarda periodicamente Gaza, e quando può il Libano.
Non è Maduro che vende armi per centinaia di migliaia di dollari, alimentando la guerra infinita.
I governi, i media prostituiti, i partiti complici hanno creato questo diversivo (e quello nord coreano) per distrarre dai veri misfatti quotidiani, e giustificare eventuali interventi militari americani in quello che considerano l'orto di casa.

Michele Basso

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «La rivoluzione bolivariana»

Ultime notizie dell'autore «Michele Basso (Savona)»

3759