il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Pomigliania

Pomigliania

(24 Giugno 2010) Enzo Apicella
Mentre la Lega rilancia la secessione della Padania, gli operai di Pomigliano fanno fallire il plebiscito richiesto dalla Fiat.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

USB TELECOMUNICAZIONI ADERISCE E SOSTIENE LO SCIOPERO GENERALE DEL 10 NOVEMBRE 2017

(8 Novembre 2017)

INTERA GIORNATA CON MANIFESTAZIONI LOCALI

11 NOVEMBRE MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA

Promossa da EUROSTOP

tutti con lo scudo usb

• PER IL RINNOVO DEL CCNL DELLE TELECOMUNICAZIONI che preveda migliori condizioni di lavoro per tutti con la riconquista di diritti e qualità del lavoro, contro gli interessi finanziari e di profitto espressi dalle proprietà mediante folli politiche mirate solo ad incrementare la precarietà delle condizioni di lavoro.

• PER LA RIDUZIONE DELL’ORARIO DI LAVORO e AUMENTI CONTRATTUALI svincolati dalla Produttività, ESCLUSIONE DEL JOBS ACT per garantire PARI CONDIZIONI per vecchi e neo assunti.

• PER LA RI-NAZIONALIZZAZIONE DEL SETTORE TLC e nuove politiche governative che prevedano investimenti nelle infrastrutture e puntino a riportare sotto il controllo pubblico un settore strategico che è stato fortemente danneggiato dalla disastrosa stagione di privatizzazioni.

• PER POLITICHE VOLTE A SVILUPPARE IL LAVORO E L'OCCUPAZIONE, in alternativa a quanto con la Legge di Stabilità ed il Jobs -Act si sta attuando, ovvero il finanziamento delle imprese con piani di defiscalizzazione, riconosciuti in relazione alle intese premiali (Accordo PdR /Lavoro Agile) collegate alla produttività, con il rischio, a tendere, di introdurre in nome della flessibilità, maggiore precarizzazione e riduzione di posti di lavoro.

• PER NON PIEGARE LA TESTA alle esigenze padronali e non accettare la logica del diritto che si trasforma in favore o privilegio. Contro le privatizzazioni e lo sfruttamento, per la difesa del salario e della salute dei lavoratori, per recuperare tutti i diritti svenduti, per un rinnovo dei contratti che restituisca dignità ai lavoratori e non smantelli lo stato sociale.

• PER L’ABOLIZIONE completa del Jobs Act, della Legge Fornero, della Buona scuola, delle Leggi Minniti/Orlando.

PER AFFERMARE I NOSTRI DIRITTI E SCONFESSARE CHI PENSA

CHE CI SI DEBBA SEMPRE E COMUNQUE ACCONTENTARE

C’E’ BISOGNO DI FERMARE IL PAESE

C’E’ BISOGNO DI TORNARE NELLE PIAZZE

Il resto sono lacrime di coccodrillo o l’ennesima attestazione di complicità con gli interessi finanziari in gioco.

USB Telecomunicazioni

2463