il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Gugliotta

Si apre una finestra sui metodi della polizia italiana

(14 Maggio 2010) Enzo Apicella
I TG trasmettono l'intervista a Stefano Gugliotta, che porta i segni del pestaggio immotivato da parte della polizia

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

FOGLIO DI VIA DA NISCEMI

(22 Novembre 2017)

no muos in lotta

C'è anche quest'altra storia nelle nostre vite, nelle vite di chi ogni giorno si impegna e lotta per un mondo nuovo, più giusto e libero.

Da anni conduciamo una lotta molto difficile, quella per la smilitarizzazione del territorio niscemese. A Niscemi, infatti, esattamente nella Sughereta (riserva naturale), da anni è installato, e da poco funzionante, uno strumento di guerra della marina militare statunitense. Parabole, antenne, militari: l'obbiettivo è di guidare dei droni, aerei senza pilota, bombardare qua e là, come fosse un videogioco. L'ennesima dimostrazione della sudditanza del nostro Paese nei confronti della forza guerrafondaia statunitense.

E' una lotta difficile perché non siamo tanti, perché abbiamo meno strumenti incisivi del nostro nemico, perché la situazione è complessa e gli interessi sono tanti da parte di chi governa questo Paese e da parte di chi materialmente è proprietario di questo strumento (gli Stati Uniti).

Nonostante tutto da anni ci battiamo: facciamo cortei, azioni simboliche, volantinaggi, seminari, assemblee nelle scuole e nelle università, nelle piazze e nelle strade della nostra città. A volte siamo riusciti a vincere: ci sono stati dei momenti in cui la pressione popolare e la voglia di fermare questo "MUOStro" sono riusciti a rallentare i lavori, far esprimere la "giustizia" italiana arrivando pure a sequestrare l'impianto. Ma, come dicevamo prima, gli interessi sono troppi grandi...e il MUOS oggi è in funzione.

Una lotta che ha portato non pochi problemi: soldi, energie, tempo...repressione! Tante le minacce, molti i ricatti, troppe le denunce e le misure preventive nei confronti di chi fisicamente si oppone a questo scempio e a questa ingiustizia. E infatti, è di poche ore una nuova notizia, una nuova storia nelle nostre vite: un militante della nostra Comunità, un attivista no muos, ha notificato dopo pranzo un foglio di via da Niscemi, ovvero l'obbligo, o meglio il divieto, di accedere al paese di Niscemi a tempo indeterminato. Perché? Perché considerato scomodo, "pericoloso". Si parla di un giovane di 19 anni che da quando ne aveva 14 si sporca di fango nella Contrada Ulmo, che ha preso le botte dalla polizia, che ha visto sconfitte ma ha esultato nelle vittorie, nel vedere la gioia e la forza delle tante persone che negli anni hanno dato molto per questa causa.

Un ennesimo attacco nei confronti di chi sogna un mondo diverso, migliore, senza sfruttamento e ingiustizie, senza povertà e tristezza, senza diseguaglianze e oppressione.

Ma non ci fate paura: continueremo a lottare con la stessa forza e la stessa rabbia, con lo stesso senso di giustizia sociale, di liberazione e di libertà. Perché noi vogliamo porre fine alle guerre dei potenti, imperialiste, quelle volute da pochi e combattute dai tanti, troppi. Perché vogliamo le nostre terre libere, la possibilità di decidere sui nostri territori, più autonomia. Più potere, quello popolare.

I POPOLI IN RIVOLTA SCRIVONO LA STORIA, NO MUOS FINO ALLA VITTORIA!

Comunità Resistente Piazzetta - Catania

4179