il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

Il fumo uccide

Il fumo uccide

(18 Agosto 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Il saccheggio del territorio)

MARINO, DIVINO AMORE: MOSSE E AMBIGUITA’ DI M5S E PD. TRA I VERI COERENTI SICURAMENTE NOI COMUNISTI.

Il rallentamento dell'iniziativa della Giunta M5S non può trovare "scuse" in campagna elettorale per attaccare chissà chi. Per questo noi confermiamo i nostri no alla cementificazione del Divino Amore.

(6 Febbraio 2018)

Il Sindaco straparla. Giustamente il consigliere comunale - nostro riferimento - Eleonora Di Giulio lo inchioda ai propri inutili proclami a cui poco è seguito.

maurizioaversa

Maurizio Aversa

In queste ore, in verità nella pienezza della attività di campagna elettorale dei partiti al Governo: PD in quello nazionale e alla Regione Lazio; e M5S alla Città Metropolitana di Roma Capitale e a Marino; e dei partiti di opposizione – come il PCI partecipe della Lista Potere al Popolo a livello nazionale, Camera e Senato, e per la Regione Lazio; inopinatamente, a Marino, l’inutilmente loquace (perché poco si confronta sulle cose cui viene interrogato) sindaco M5S Carlo Colizza, ha lanciato – a freddo – un “allarme bomba” mostrando una ogiva sprovvista di polvere di sparo e di spoletta da innesco. Perché? Perché da “nuova forza politica, né destra né sinistra” l’importante è “buttarla in caciara”. Ora, nel merito, l’attenta, puntuale, ed una dei nostri referenti eletti in Consiglio Comunale, Eleonora Di Giulio, ha nettamente e con chiarezza documentato e commentato di che cosa stiamo parlando. Riportiamo di seguito e sottoscriviamo quanto motivato.
(Eleonora Di Giulio): Premessa: sulla tematica del Divino Amore sono sempre stata da una sola parte, ho sottoscritto ricorsi e partecipato alle iniziative contro una scelta scellerata di gestione del territorio. Detto ciò so bene che durante le campagne elettorali spesso si alzano i toni e si fanno promesse poi difficili da mantenere. Tutti noi ricordiamo il " Ciaone Cemento al Divino amore " con il quale Colizza ha inaugurato il suo mandato da Sindaco. Sono passati quasi due anni, ed adesso, chissà come mai, improvvisamente, il tema viene ritirato fuori, evidentemente per scaricare su altri il non fatto di questi mesi. Forse, una volta arrivati a Palazzo Colonna, i nuovi amministratori si sono accorti che esistono leggi, competenze ed iter amministrativi che non si cambiamo con un semplice saluto da un palco.
Se, come afferma Colizza, i costruttori, forti di una concessione del 2011, hanno ripresentato una richiesta di VIA ( Valutazione Impatto Ambientale ) sarebbe interessante vedere gli atti, leggere cosa ha prodotto il Comune di Marino, se e come coinvolto. Perché presentare una richiesta è legittimo, e non risulta che sia stata data a oggi alcuna autorizzazione. Oppure è semplicemente lo scaricare, come è stato fatto per l’Ecocentro, la palla ad altri. Governare significa assumersi delle responsabilità, non scansarle.
Per questo, il segretario della sezione PCI di Marino, Stefano Enderle, il candidato alla Camera nel collegio uninominale di Marino nella Lista Potere al Popolo, Sergio Santinelli; e Maurizio Aversa, candidato al Consiglio Regionale del Lazio per Potere al Popolo, dichiarano: “Confermiamo la nostra linea politica circa la salvaguardia dell’area oggetto delle mire di cementificazione; confermiamo il giudizio non negativo dei primi atti dell’assessorato all’urbanistica del comune di Marino, anche se ora non si comprende la cavalcata politicante del sindaco volta a coprire(?) qualche errore o ritardo o conto non fatto in precedenza? Ricordiamo che la nostra coerenza, sia nelle attività di lotta, sia nella attività di contrasto, sia nella continuazione della nostra posizione netta, è, in buona compagnia, tra quelle che possiamo mostrare come vera coerenza politica e di rispetto non tanto e non solo del tema della salvaguardia ambientale, quanto soprattutto, del sentire e della volontà espressa negli anni dai cittadini che vogliamo continuare a rispettare: sia contro i sussulti del M5S, sia contro le ambiguità del PD, e soprattutto contro i cementificatori.”.

maurizio aversa

6656