il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Thatcher

Thatcher

(9 Aprile 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

CUB-Poste: LAVORATORI IN PIAZZA CONTRO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE DI POSTE ITALIANE SpA

(23 Febbraio 2018)

postino cub

Il 27 febbraio 2018, il nuovo Amministratore Delegato Matteo Del Fante, un altro milionario, presenterà ai mercati finanziari il nuovo Piano Industriale di Poste Italiane SpA in continuità con le politiche dei tagli ai servizi sociali e dei sacrifici a senso unico. Esso prevede, tra l'altro, una nuova riduzione dell'occupazione – 15mila in tre anni!- e la chiusura di centinaia di uffici postali in tutt'Italia.
Prosegue dunque, indipendentemente da chi “guida” l'Azienda, la politica di attacco e smantellamento di ciò che è ancora pubblico in una logica di asservimento ai privati che occupano posizioni sempre più avanzate e determinanti: i dividendi agli azionisti, i tagli al personale, la chiusura di Uffici Postali ai cittadini!

Questo è il risultato più evidente della privatizzazione. Ora l'orientamento non è più al miglioramento del servizio ma alla ricerca del massimo profitto. E le due cose sono incompatibili.

Se si abbandona il punto di vista aziendale e si guarda agli interessi dei lavoratori la prima cosa da fare è stabilizzare i contratti a termine e finirla con un'occupazione precaria, “usa e getta”, con migliaia di lavoratori a rotazione, senza stabilità, professionalità e formazione.
Il recapito deve abbandonare la concezione di compagnia di low cost e delle sperimentazioni astruse dei “giorni alterni” per tornare al recapito quotidiano.
Le avventure in Borsa devono finire con l'uscita di Poste dai parametri mercantili per tornare ad essere un'azienda pubblica, sociale che lavora al servizio dei cittadini, e lì misura la sua efficienza.
Noi ci opponiamo fermamente: non ci stiamo a sacrificare un'altra fetta di bene pubblico al profitto di pochi; né alla logica di un servizio scadente per i molti ed un servizio efficiente a pagamento per pochi.
Per questo saremo in piazza il 27 febbraio 2018 davanti alla sede della Borsa in Piazza Affari con un presidio e con le nostre ragioni. Stampa e tv sono invitati.

CONTRO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE

Il giorno 27 febbraio 2018
DALLE ORE 10,30 ALLE ORE 17,30
PRESIDIO IN PIAZZA AFFARI
DAVANTI ALLA SEDE DELLA BORSA

Collettivi Unitari di Base dei Lavoratori delle Poste
C.U.B. POSTE

3432