il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Che Guevara

Che Guevara

(10 Ottobre 2008) Enzo Apicella
41 anni fa veniva assassinato dagli sgherri dell'imperialismo Ernesto Che Guevara

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

Memoria e progetto:: Altre notizie

DIVENTA CIO’ CHE SEI: MILITA

Assemblea costitutiva della Sezione di Patria Socialista della Tuscia

(20 Marzo 2018)

diventa ciò che sei milita

Alle ore 18.00 di sabato 24 marzo, 74° anniversario della Strage delle fosse Ardeatine, in cui furono trucidati anche tredici partigiani e antifascisti del Viterbese, presso la Sede della Federazione provinciale Usb, in via Igino Garbini, 51, Viterbo, si terrà l’Assemblea costitutiva per la Sezione della Tuscia di Patria Socialista. Nell’iniziativa saranno effettuati anche il lancio del Tesseramento 2018 e la presentazione del Manifesto politico - filosofico.

Non un partito ma un movimento politico a carattere associativo, con la Sede nazionale in via dei Volsci, nel Quartiere romano di San Lorenzo, e una decina di anni di attività pubblica. Patria Socialista sorge sul finire del primo decennio del Duemila, per ricordare e riproporre l’esperienza degli Arditi del popolo e dei Combattenti partigiani. Il culmine di questa attività, consistente in manifestazioni, incontri pubblici e dibattiti di vario genere, è l’ormai tradizionale Marcia commemorativa Onore e gloria eterna ai Caduti partigiani, che si tiene attorno al 25 Aprile a Roma, da piazzale Tiburtino al Cimitero del Verano.

Patria Socialista ha fatto da apripista per la riscoperta ed il riadattamento nel presente di simbologie, espressioni e manifestazioni di cui il fascismo si era indebitamente appropriato facendole ingannevolmente apparire come sue. A partire dallo stesso concetto di Patria, che aveva animato i moti risorgimentali nel segno del progresso contro il reazionarismo, sino ad arrivare al combattentismo e all’arditismo della Grande guerra, nonché all’interventismo democratico e rivoluzionario ad essa correlato, da cui emergeranno i più fieri e tenaci oppositori all’avanzata fascista. Un recupero che ha ricollocato nell’ambito della Storia del movimento operaio una porzione importante che gli era stata sottratta.

Un recupero che non può essere una moda, come in alcuni casi è apparso, ma un impegno costante per il presente e per le generazioni future. Patria Socialista ha, infatti, stretto legami con quelle realtà che hanno rimesso, o mai depennato, il socialismo nella propria agenda quotidiana. Un legame, fattivo, sancito anche da importanti riconoscimenti da parte delle rappresentanze diplomatiche in Italia di paesi come Cuba, Venezuela e Pridnestrovie (Transnistria). Per quest’ultima è stata recentemente costituita anche un’associazione italiana di solidarietà.

Molteplici, inoltre, gli interventi sull’attualità, in merito alle tematiche sociali, del lavoro, di genere e di politica estera.

Oggi, Patria Socialista si organizza anche nella Tuscia, nel legame spirituale e materiale con il passato, vivo e militante nel presente, di questo territorio. Una tradizione che trova le sue radici nel forte sentimento repubblicano del Risorgimento democratico, si sviluppa nel movimento contadino, operaio e artigiano, e vede i suoi apici nelle Tre giornate di Viterbo, 10-12 luglio 1921, con la cacciata dei fascisti dalla città, sotto la guida degli Arditi del popolo (alla loro prima sortita pubblica fuori Roma) e nella Resistenza partigiana. Una Resistenza che si è manifestata sia nel Cln sia fuori, con quelle realtà che si rifiutarono di collaborare con la Corona, in particolare la Federazione repubblicana sociale, di cui il Movimento comunista d’Italia - Bandiera rossa, la più consistente tra le formazioni partigiane del Lazio, fu il partito prevalente. La nascente Sezione di Patria Socialista della Tuscia non intende certo sostituirsi agli organismi partitici, associativi e sindacali già esistenti ed operanti sul territorio, vuole anzi collaborarvi mantenendo salda la pregiudiziale antifascista. Pur vedendo nella Rivoluzione d’ottobre un indubbio momento fondante per il riscatto delle masse lavoratrici e dei popoli oppressi, si pone l’obiettivo della difesa costante di tutte le culture e le persone di progresso che hanno contribuito alla storia della classe operaia, all’Antifascismo e alla Resistenza, dinanzi agli attacchi del revisionismo strumentale.

I promotori della Sezione invitano le lavoratrici e i lavoratori, e chi si riconosce nei valori elencati sopra, a partecipare all’Assemblea costitutiva, ad iscriversi e a diventare militanti.

Per info e contatti: http://www.patriasocialista.it/, patriasocialista@hotmail.it

Facebook. “Patria Socialista”

Patria Socialista

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

5034