il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

La primavera italiana

La primavera italiana

(9 Giugno 2011) Enzo Apicella
Il 12 e 13 giugno vota SI

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Le mani sulla città - 3 date sulla gentrificazione
    (28 Febbraio 2020)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Capitale, ambiente e salute)

    AMIANTO ALL'OLIVETTI: I PADRONI ANCORA IMPUNITI

    (18 Aprile 2018)

    de benedetti morte

    Oggi 18 aprile 2018 I giudici della Corte d’Appello ribaltando la sentenza di primo grado del luglio 2016 emessa dal tribunale di Ivrea che aveva condannato 13 imputati per la morte degli operai, hanno assolto i padroni, De Benedetti, l’ex ministro Passera e tutti gli imputati.
    Le tredici condanne si sono trasformate in altrettante assoluzioni. Il processo riguardava casi di dipendenti dell'azienda eporediese che si erano ammalati o erano deceduti per il contatto con sostanze nocive sul luogo di lavoro a Ivrea come in altri stabilimenti Olivetti del Canavese.

    La Corte d'Appello è andata contro la Procura Generale di Torino, che invece, aveva chiesto la conferma della sentenza di primo grado per tutti gli imputati. Inoltre come ormai succede spesso, i giudici non solo hanno assolto i padroni della fabbrica, ma hanno condannato le parti civili, Associazioni e famigliari, compreso il Comune di Ivrea, al pagamento delle spese processuali mandando un segnale chiaro a chi si ribella alle morti sul lavoro e di lavoro.

    Nella società capitalista attuale, in cui lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo è legale e regolato dalle leggi fatte dai politici al loro servizio, questi processi non si devono più da fare perche ricercare la verità e la “giustizia” in una società che mette il profitto prima della salute e della vita umana, può costare caro anche in termini economici.

    Ora la Procura nel gioco delle parti della democrazia borghese annuncia ricorso in Cassazione, intanto gli operai e i lavoratori continuano a morire, mentre i malati e i famigliari aspettano una “giustizia” che non arriverà mai.

    Abbiamo perso un’altra battaglia ma la lotta contro lo sfruttamento e le morti “innaturali” continua.

    Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio

    7451