il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Sasà Bentivegna, Partigiano

Sasà Bentivegna, Partigiano

(3 Aprile 2012) Enzo Apicella
E' morto ieri a Roma Rosario Bentivegna, che nel 1944 prese parte all’azione di via Rasella contro il Battaglione delle SS Bozen.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Ora e sempre Resistenza)

Molfetta: 25 aprile ogni giorno

(23 Aprile 2018)

Il 25 aprile, appuntamento alle ore 10.15 - Villa Comunale, presso il monumento a Giuseppe Di Vittorio

molfetta 25 aprile

Il prossimo 25 Aprile festeggeremo il 73mo anniversario della Liberazione dell’Italia dal nazifascismo grazie alla lotta partigiana, al sacrificio di molti uomini e donne sostenuti dalla gran parte del popolo italiano.

Il ricordo di coloro che nella lotta partigiana, nei campi di prigionia, di internamento o di sterminio, si opposero – anche sino al sacrificio della vita – alla dittatura, alla bramosia di conquiste territoriali, a folli ideologie di supremazia della razza, è doveroso ed è per noi la base della nostra Costituzione e della nostra comunità nazionale.

Eppure a tanti anni di distanza viviamo in un paese dove molti degli ideali di quei giovani sono stati traditi e nuove follie guidate dalla sete di potere e denaro scatenano guerre e sofferenze.
Nel nostro paese oggi c'è chi, distrugge la scuola, attacca i lavoratori e i sindacati.
Lavoriamo a nero, siamo disoccupati, ricattati da organizzazioni criminali in combutta con poteri economici e politici, costretti ad emigrare.

I nostri Stati fanno la guerra in giro per il mondo, e anzi ormai la guerra ci è entrata in casa, con i militari armati in ogni piazza e le zone rosse.

L’Europa alza muri di fili spinati, mette su campi di concentramento.
Bande di violenti, di razzisti, di nostalgici del nazifascismo aggrediscono i “diversi”, i più deboli, cercano di dividerci e metterci l’uno contro l’altro.

Ma anche oggi c’è chi è stanco di tutto questo, e sta iniziando a unirsi, a organizzarsi, perché è convinto che questa situazione debba cambiare.

C'E' CHI RESISTE OGNI GIORNO.
Scendere in piazza il 25 Aprile vuol dire far vedere a tutti che esiste un’altra umanità.
Scendere in piazza il 25 Aprile vuol dire lottare, sottrarre terreno a chi ci impone sfruttamento e precarietà, a ci reprime, a chi omologa, a chi cammina sui corpi e uccide.
Scendere in piazza il 25 Aprile vuol dire quindi incontrarsi, prendere coraggio, comunicare alle tante persone di questa città, ancora troppo rassegnate o sole, che un’alternativa a questa barbarie è possibile.

RESISTENZA OGNI GIORNO!

Potere al Popolo - Molfetta

4261