il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Primavera

Primavera

(8 Febbraio 2011) Enzo Apicella
4 bambini Rom muoiono nell'incendio della loro roulotte causato forse da una stufetta

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Stato e istituzioni:: Altre notizie

Sarà un astensionismo che li seppellirà!

IL QUADRO e LA CORNICE.

(8 Maggio 2018)

Di fronte all'immodificabilità di ciò che non è modificabile,
il vincolo europeo, le compagini politiche uscite
“vittoriose” o “sconfitte” il 4 marzo,
al riparo dei loro falliti accordi e dell'impraticablità del sistema elettorale,
si avviano a nuove elezioni.

E così, le promesse di ieri si riciclano in una nuova campagna di menzogne,
noiose ed usurate quanto gli sbadigli che provocano.
E così, chi aveva tentato, come ultima spiaggia,
la “protesta” sovranista euroscettica leghista e grillina,
sta toccando con mano l'inservibilità di urne, schede e “partecipazioni”.

Per noi sfruttati nulla cambia, di fronte al pilota automatico europeo.
Certo, un po' di milioni di euro in talk-show, manifesti, “feste” e comizi,
ed un'altra manciata di prese per il culo.
Intanto, come lo schiacciasassi, continua l'attacco alle nostre vite,
ormai piene di lavori di merda, di “alternanze”, di precariato, di disoccupazione, di sfruttamento, e vuote di umanità.

Occorrerebbe darsi una scossa, unendosi su qualche punto condiviso,
per tornare a difenderci e, in prospettiva, a far male ai padroni,
ed ai loro servitori.
Non è facile, anestetizzati come siamo,
pieni di ruggini di un passato polveroso quanto lontano.
Non è facile, perché il lungo ciclo della passività di classe continua.

Ma le cose, oltre una fallace crosta sociale pacificata, lavorano per noi.
Gli spazi di compromesso socialdemocratico sono finiti,
così come quelli per un “diverso esercizio” democratico
e della mediazione politica.

Resta la forza, e lì difettiamo tanto.
Dobbiamo recuperare!

Pino ferroviere

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie dell'autore «Pino Ferroviere»

3593