il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

23 settembre

23 settembre

(20 Settembre 2011) Enzo Apicella
Venerdì 23 settembre Abu Mazen presenterà alle Nazioni Unite la richiesta di adesione della Palestina come Stato

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Frosinone/Rieti. Aree di crisi complessa. PCI: subito un intervento per i lavoratori senza soldi dal 2 gennaio 2020
    Già da prima del coronavirus questi lavoratori attendevano un sostegno, ora è dramma sociale
    (29 Marzo 2020)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Palestina occupata)

    Napoli, 13 giugno: presentazione del libro "Israele, mito e realtà"

    (11 Giugno 2018)

    Ne parliamo con Michele Giorgio, autore del libro, giornalista de il manifesto e Nena NewsAgency mercoledì 13 giugno alle 18.30 all' Ex OPG Occupato - Je so' pazzo (via Imbriani, 218).

    israele mito e realtà

    A 70 anni dalla Nakba, un libro che indaga la realtà dello Stato israeliano, la sua storia e la sua attualità.

    Il movimento sionista, la sua genesi, i presupposti ideologici alla base dell'istituzione dello Stato ebraico e le politiche coloniali di segregazione e occupazione che ne scaturiscono e alle quali il popolo palestinese oppone resistenza, saranno i temi al centro del dibattito.

    Perché parlare oggi dell'occupazione sionista della Palestina? Che ruolo assume oggi l'occupazione (e, ad esempio, l'accelerazione imposta dal trasferimento dell'ambasciata Usa a Gerusalemme) nel quadro regionale?

    Proviamo a rispondere alla luce di alcuni dei punti centrali della costruzione ideologica e della realizzazione politica del progetto sionista: l'uso della terra e del lavoro, cittadinanza e nazionalità, la proprietà e la sua confisca, il concetto di ritorno, lo Stato unico, il sionismo e il neosionismo.

    "Oggi a prevalere è la narrazione sionista della storia della Palestina e una costante rimozione: che nella terra promessa del racconto biblico dove i sionisti intendevano fondare uno Stato c'era un altro popolo, che sentiva quella terra come propria per il semplice fatto che ci viveva da secoli e secoli. Ed è questa l'origine della contraddizione irrisolta tra il mito di un focolare ebraico dove far tornare un popolo a lungo perseguitato, e la realtà di un progetto coloniale di insediamento".
    Ne parleremo con Michele Giorgio, corrispondente del quotidiano il Manifesto da Gerusalemme, dove vive e lavora da una ventina di anni. Per il suo giornale è stato inviato in Libano, Siria, Egitto, Libia, in altri Paesi della regione e in Asia centrale.

    Potere al Popolo - Napoli

    4609