il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

La scelta è tua

La scelta è tua

(4 Aprile 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Stato e istituzioni)

SITI WEB
(La tolleranza zero)

IL RAZZISMO NON E’ UN’IDEA, IL RAZZISMO E’ UN CRIMINE

(1 Settembre 2018)

casa rossa

Come vi permettete di fare una manifestazione antirazzista!

Questo in sintesi è l’atteggiamento dei commentatori salviniani all’annuncio della manifestazione di Spoleto antirazzista, cioè di tutti coloro che nella nostra città a partire da oggi hanno deciso di far sentire la propria voce e dire BASTA RAZZISMO.

Il messaggio inviato dal telefono di una dottoressa del Pronto soccorso a 40.000 medici che grondava di odio razziale è solo l’iceberg di una intolleranza e di un clima di discriminazione che fa emergere una mentalità da apartheid che sta permeando nel profondo la società italiana.

Quando si fa il passo più lungo della gamba e in questo caso il messaggio “non esistono diritti umani per quattro negracci” “ andrebbero annegati a largo” che ha dato vita a un caso nazionale ha queste caratteristiche, succede che anche chi è avvolto nel torpore, rassegnato e nell’impotenza, trova la forza per una sano risveglio e per reagire.

In questo senso ciò che è successo in questi giorni è utile per l’inizio di una battaglia di civiltà contro la barbarie imperante; ovvero: se questa è la goccia che ha fatto traboccare il vaso, la vera questione è che il vaso era colmo, come dimostrato anche dai “Mi piace”, “Ha fatto bene”, “Non sono razzista ma questi immigrati sono tutti delinquenti” e via dicendo che hanno accompagnato l’uscita del post.

Non dimentichiamo, solo pochi mesi fa, la devastazione della canonica di Don Gianfranco a S.Angelo e poco tempo prima l’atto di sfida di leghisti e “neri” vari a chi aveva scritto “in questa chiesa è vietato l’ingresso ai razzisti. Tornate a casa vostra”. E ci fu allora la stessa reazione intimidatoria: Come si permette un prete di ‘non fare il prete’ e stabilire chi entra oppure no in Chiesa.

Se la questione quindi fosse stata quella di una persona che ha scritto una frase mostruosa, la soluzione sarebbe semplice, basterebbe individuarla e tenerla lontano dai luoghi dove può nuocere.

Qui invece c’è la necessità di mettere in piedi un movimento che ristabilisca la verità delle cose e cioè che il razzismo non è un’idea ma un crimine. E’ una battaglia lunga che deve crescere giorno per giorno e per questo è necessario un movimento e iniziative che attraversino con continuità tutto il territorio nel nostro caso e l’Italia in generale.

Non serve marciare perennemente chiusi nella propria “caserma” ma bisogna agire ora. Sappiamo che possiamo perdere, ma chi non lotta ha già perso diceva Guevara. Siamo ottimisti e consapevoli che si può vincere solo se il proletariato italiano saprà recuperare la coscienza di se, la coscienza politica di classe e riprendere la strada del conflitto sociale. I lavoratori italiani e tutti i proletari sono perciò decisivi per questa lotta a fianco dei proletari riparati nel nostro paese da ogni parte del mondo.

Occorre una rivoluzione culturale. Come si gridava una volta: il Proletariato non ha nazione, internazionalismo, rivoluzione.

Associazione culturale CASA ROSSA

3082