il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

La bufala della lapidazione

bufalapidazione

(20 Settembre 2010) Enzo Apicella
Il presidente iraniano Ahmadinejad: Sakineh non è mai stata condannata alla lapidazione, il "caso" è una montatura giornalistica del governo USA

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Iran. Il prossimo obiettivo della guerra imperialista?")

Iran, ipotesi sull’attentato di Ahvaz

(24 Settembre 2018)

iran parade attack

Mentre una parte della gente di Ahvaz s’è stretta attorno alle bare dei martiri dell’agguato mortale di sabato, la comunità araba sunnita della regione si ritrova l’accusa d’essere il motivo dell’attentato, vista la linea separatista seguita da alcune componenti politiche locali come il Fronte popolare degli arabi di Ahvaz. Ma questo gruppo e altri sospettati rigettano le accuse, girandole sul regime possibile autore d’una montatura per stringere ancor più la morsa sulla provincia del Khouzestan, ricca di petrolio e intollerante nei confronti del governo di Teheran, ampiamente contestato nei mesi scorsi. Rispetto a proteste di carattere prettamente economico registratesi in varie città iraniane, in quest’area il malcontento sunnita mostra, accanto a tale matrice, quella del dissenso politico e guarda a ovest, per quanto oltreconfine l’attuale Iraq offra contorni caotici. Da quel che è dato sapere i locali interagiscono più con strutture come quelle citate, organizzate con dissidenti espatriati all’estero (ad esempio a Londra) che col jihadismo militante. Quello che potrebbe aver organizzato lo spettacolare attentato, frutto di un’organizzazione articolata, per ciò che appare dall’infiltrazione del loro commando in una struttura tutt’altro che facile da raggirare come i pasdaran.

Oltre al sangue versato, al terrore diffuso, all’offesa arrecata alla sfilata per l’anniversario della guerra patriottica contro Saddam, è stata lesa l’immagine coriacea che i Guardiani della Rivoluzione amano offrire del proprio corpo d’élite. Un elemento psicologicamente non secondario. Perciò i vertici dello Stato, col ministro della Difesa Hatami, il capo dell’Intelligence Alavi, il deputato e comandante pasdaran Salami, fino allo stesso presidente Rohani sono intervenuti pubblicamente additando chi trama nell’ombra per destabilizzare anche militarmente la nazione. La triade accusata raccoglie Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita, sponsor militari e ideologici d’un certo fondamentalismo islamico usato - a detta di Teheran - come ariete per colpire la sicurezza nazionale interna. Certo, la sigla dello Stato Islamico è comparsa nella rivendicazione dell’agguato, come pure quella Al-Ahvaziya. Se il Daesh è da un quadriennio materia, ectoplasma e fantasma della politica destabilizzante in Medio Oriente, del secondo si sa che è finanziato dalla dinastia Saud e che nell’area ha già compiuto azioni con l’intento di divulgare un progetto separatista. Invece s’autoescludono dallo scenario della strage altri separatisti, denominati Patriotic Arab Democratic Movement in Ahvaz.

Nel richiamo che la notizia dell’attentato ha avuto ovunque nel mondo, s’inserisce il botta e risposta fra Rohani e l’ambasciatrice statunitense all’Onu Haley. Il primo non ha risparmiato colpi antistatunitensi rivolti al bullismo della politica estera trumpiana; la portavoce di ferro ha ripetuto sprezzante che nell’incolpare gli Usa gli iraniani devono guardarsi allo specchio. Il duetto accende ulteriormente gli animi alla vigilia delle prossime sedute dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Rohani, come altri capi di Stato, è atteso domani e dopodomani a New York. A condurre il dibattito nel Palazzo di vetro ci sarà proprio la Haley, e il da lei strattonato Rohani dovrà incontrare l’omologo Donald Trump. Sebbene il faccia a faccia potrebbe in extremis saltare, non tanto per le tensioni rinfocolate in queste ore, ma perché il dibattito sul nucleare iraniano sembra diventato un dialogo tra sordi dopo il rilancio dell’embargo unilaterale imposto dal presidente Usa. Temi caldissimi anche quelli dei conflitti mediorientali sugli scenari siriano e yemenita, sempre con gli iraniani coinvolti e gli americani critici sull’operato di quest’ultimi. E’ noto che l’Assemblea Onu ha solo funzioni consultive, esamina questioni e propone orientamenti per garantire la pace internazionale. Purtroppo decisioni, prese a maggioranza di due terzi, possono tranquillamente risultare inapplicate e dunque infruttuose.
24 settembre 2018

articolo pubblicato su enricocampofreda.blogspot.com

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Iran. Il prossimo obiettivo della guerra imperialista?"»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

2938