il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Stop agli allevamenti per vivisezione

Stop agli allevamenti per vivisezione

(20 Gennaio 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

IL PROSSIMO 26 OTTOBRE FERMIAMO IL PAESE!
APPELLO AD UN GRANDE SCIOPERO GENERALE UNITARIO DI TUTTO IL SINDACALISMO DI BASE E DI CLASSE

(3 Ottobre 2018)

Una parte del sindacalismo di base (SI Cobas, Cub, Sgb, Slai Cobas, Usi Ait) ha proclamato per venerdì 26 ottobre lo sciopero generale di tutte le categorie della classe lavoratrice.

A fronte dei sindacati confederali (Cgil, Cisl, Uil) che da anni hanno tradito la classe lavoratrice, le divisioni in seno al campo del sindacalismo alternativo, conflittuale, di base, nato in reazione a questo tradimento, sono un grave ostacolo al dispiegamento di un movimento di lotta dei lavoratori in grado di fermare il continuo peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro in atto da decenni.

Noi crediamo che sussistano indiscutibilmente le ragioni per proclamare lo sciopero generale, in piena continuità con gli anni passati: bassi salari, ritmi e carichi di lavoro sempre più elevati, aumento della precarietà contrattuale, aumento degli infortuni e delle vittime sul lavoro, dilagare delle esternalizzazioni e degli appalti, frammentazione contrattuale, infame innalzamento dell'età pensionabile, licenziamenti, disoccupazione.

Riteniamo che l'unità del sindacalismo di base, conflittuale e di classe (auspicando il coinvolgimento anche dell’area di opposizione nella Cgil “Il sindacato è un’altra cosa”) e l'unità d'azione dei lavoratori, come già avviene in alcuni settori siano mezzi imprescindibili per dare la forza necessaria alla classe lavoratrice “schiava” del salario per iniziare finalmente a difendersi davvero da quella padronale e dal suo regime politico, al di sopra dei suoi burattini che si alternano al governo.

Crediamo che la strada migliore per perseguire questo obiettivo – l'unità d'azione del sindacalismo di base, conflittuale e di classe – sia quello di non porsi sullo stesso piano di quelle dirigenze che per opportunismo di fatto agiscono in direzione opposta.

Per questo chiediamo a iscritti, a militanti, a delegati dei sindacati di base, che non hanno aderito allo sciopero generale del 26 ottobre, di firmare questo appello con cui richiedere l'adesione da parte delle proprie organizzazioni sindacali, anche con autonome piattaforme rivendicative, per costruire UN GRANDE SCIOPERO GENERALE UNITARIO DI TUTTO IL SINDACALISMO DI CLASSE CHE BLOCCHI FINALMENTE IL PAESE e che ponga finalmente in primo piano la vera e fondamentale questione sociale: quella delle condizioni dei lavoratori, di TUTTA LA CLASSE LAVORATRICE, al di sopra delle false divisioni fra categorie, sesso, religione e nazionalità, utilizzate ad arte dai padroni e loro governi per incentivare una divisione tra lavoratori che determina un peggioramento delle condizioni di lavoro e di vita di tutta la classe lavoratrice a vantaggio del capitalismo.

Con questo appello vogliamo inoltre compiere il primo passo verso l'organizzazione di una ASSEMBLEA NAZIONALE AUTOVOCONVOCATA che lanci la parola d'ordine di un FRONTE UNICO SINDACALE DI CLASSE, da tenersi dopo lo sciopero generale del 26 ottobre.

Lunedì 1 ottobre 2018


ADESIONI
Edoardo Todaro – Rsu Confederazione Cobas Poste Italiane – Firenze
Francesca Ramona – Rsu Cobas Sanità Università Ricerca – Firenze
Domenico Travaglini – Usb ICS Maugeri Tradate – Varese
Fabio Bertelli – Usb pensionati – Firenze
Domenico Destradis – Rsa Usb FCA Melfi – Potenza
Salvatore Caligiuri – Usb ICS Maugeri Tradate – Varese
Paola Squizzato – Usb ICS Maugeri Tradate – Varese
Emanuela Pulcini – Rsa Coopculture – Roma
Mariopaolo Sami – Usb Vigili del fuoco – Genova
Tullio Rossi – RSA Usb Sanità – Genova
Ferrari Christian – Iscritto Usb – Genova
Marco Violante – Vigile del fuoco – Iscritto Cgil – Genova
Leonardo Melli – Studente lavoratore – Reggio Emilia
Teresa Elefante – Confederazione Cobas FCA Mirafiori – Torino
Massimiliano Cortese – Cobas Sanità Università e Ricerca – AOU Careggi – Firenze
Samuel Casini – Cobas Sanità Università e Ricerca – AOU Careggi – Firenze
Giuseppe De Santo – Cobas Sanità Università e Ricerca – AOU Careggi – Firenze
Angela Ciaccheri – Cobas Sanità Università e Ricerca – AOU Careggi – Firenze
Antonio Baldi – Cobas Sanità Università e Ricerca – AOU Careggi – Firenze
Francesca Romano – Cobas Sanità Università e Ricerca – AOU Careggi – Firenze
Francesca Messeri – Cobas Sanità Università e Ricerca – AOU Careggi – Firenze
Massimo Mecherini – Cobas Sanità Università e Ricerca – AOU Careggi – Firenze

3014