il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Rachel Corrie

Rachel Corrie

(29 Agosto 2012) Enzo Apicella
Il tribunale di Haifa decide che l'assassinio di Rachel Corrie è stato un "incidente"

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Palestina occupata)

Libertà per il compagno Raja
e per tutti i prigionieri palestinesi!

Palestina occupata

(3 Ottobre 2018)

Martedì 11 settembre è stato prelevato dalle forze di occupazione sionista dalla sua casa a Umm el-Fahm martedì 11 settembre il compagno Raja Eghbarieh, leader da lungo tempo del movimento di sinistra palestinese Abna'a el-Balad nella Palestina occupata del '48

Il compagno Raja Eghbarieh, leader da lungo tempo del movimento di sinistra palestinese Abna'a el-Balad nella Palestina occupata del '48, è stato prelevato dalle forze di occupazione sionista dalla sua casa a Umm el-Fahm martedì 11 settembre. La sua detenzione è stata estesa diverse volte, l'ultima volta fino al 2 ottobre.
L'accusa ufficiale da parte dei sionisti è “incitamento al terrorismo e alla violenza” per un discorso tenuto dal compagno in occasione del decimo anniversario della morte del leader del FPLP George Habash. Ad essa verrà associata, in sede processuale, l'accusa di essere “un pericolo per lo Stato” (sionista, ovviamente).
L'arresto di Eghbarieh avviene nel contesto delle discussioni in corso in tutto il movimento di liberazione palestinese e specialmente all'interno della Palestina occupata del '48 sui nuovi passi da fare per l'unità delle forze palestinesi nello scontro con lo stato sionista. Queste discussioni si sono intensificate dopo il passaggio della "legge dello stato-nazione" e la crescente disillusione nei confronti della partecipazione alla Knesset come mezzo per combattere i diritti dei palestinesi. Ad essere messa sotto accusa è quindi la coerenza nella lotta del compagno e la sua intransigenza nel condannare il collaborazionismo della borghesia palestinese e il suo progetto liquidazionista.
Non è la prima volta che la repressione sionista cerca di mettere a tacere il compagno Raja: già nel 1987 era stato detenuto in detenzione amministrativa per il suo ruolo di primo piano nell'organizzazione degli scioperi generali durante la prima Intifada. Da allora gli arresti e le intimidazioni si sono susseguiti.
Non sarà, quindi, questo arresto che fiaccherà la volontà del compagno e la forza propulsiva rivoluzionaria del movimento Abna'a el Balad.

- SOLIDARIETÀ INCONDIZIONATA AL COMPAGNO E SUO IMMEDIATO RILASCIO!
- A FIANCO DI TUTTI I PRIGIONIERI POLITICI INCARCERATI, COMPRESI I BAMBINI, “COLPEVOLI” DI RIFIUTARE L’OCCUPAZIONE E LA CRUDELE VIOLENZA DEI SIONISTI!
- IL PROGETTO COLONIALISTA RAZZISTA DEL SIONISMO NON PASSERÀ!

Coordinamento comunista toscano

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Palestina occupata»

2988