il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Ventiquattro ore senza di noi

Ventiquattro ore senza di noi

(1 Marzo 2010) Enzo Apicella
Sciopero generale dei lavoratori migranti

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(L'unico straniero è il capitalismo)

Tortona, 25/11: assemblea pubblica dei lavoratori e delle lavoratrici di Alessandria e Tortona

(21 Novembre 2018)

tortona industriale e dintorni

Assemblea dei lavoratori e delle lavoratrici dell'alessandrino e del tortonese, domenica 25 novembre alle ore 11 a Tortona presso la sede della Croce Rossa in c.so della Repubblica n° 31.

Si discuterà di:

- diritti

- contratti

- salario

- razzismo e rispetto sul luogo di lavoro

Con la crisi, nei territori aumenta lo sfruttamento della forza lavoro e cresce la repressione di chi lotta organizzando scioperi, manifestazioni e presidi.

Con il "decreto sicurezza", il governo Salvini - Di Maio ha lanciato un duro attacco frontale contro le lotte dei lavoratori e le lotte degli immigrati.

Contro le lotte dei lavoratori:

- il "decreto sicurezza" trasforma i blocchi stradali in reati punibili fino a 6 anni (12 per gli organizzatori)... con una legge del genere oggi in Francia avremo centinaia di migliaia di "criminali" da mettere in prigione.

Questa legge è stata chiesta al governo dal presidente di Confetra - l'associazione dei padroni dei trasporti - per colpire i picchetti nella logistica, ma potrà essere applicata a ogni corteo o presidio stradale non autorizzato.

- inasprisce le pene contro gli occupanti di case, mentre nelle grandi città viene scatenata un’ondata di sgomberi che gettano sulla strada famiglie con bambini a inizio inverno.

- estende l’applicazione del Daspo urbano (inflitto ai licenziati Fca che hanno osato protestare a Roma).

Contro gli immigrati:

- il "decreto sicurezza" elimina il permesso per protezione umanitaria, il principale canale di regolarizzazione dei richiedenti asilo.
L’obiettivo è far aumentare gli immigrati senza permesso, da consegnare agli sfruttatori del lavoro nero, e alle reti criminali non potendo lavorare in modo regolare: altro che “sicurezza”!

- raddoppia da 3 a 6 mesi il periodo massimo di detenzione nei CPR per l’identificazione ed espulsione. Colpisce con la revoca del permesso di soggiorno e della cittadinanza gli immigrati accusati o condannati per determinati reati.

È necessaria una mobilitazione di massa la più ampia possibile contro l’approvazione di questo decreto e contro la sua applicazione in caso di approvazione, a partire dai luoghi di lavoro e dalle città!

Lavoratori e lavoratrici del tortonese e dell'alessandrino
S.I. Cobas

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «L'unico straniero è il capitalismo»

Ultime notizie dell'autore «S.I. Cobas - Sindacato Intercategoriale Lavoratori Autorganizzati»

1525