il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Womanning

Womanning

(23 Agosto 2013) Enzo Apicella
Dopo la condanna di Bradley Manning a 35 anni di carcere, i media danno grande risalto alla sua decisione di cambiare sesso

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Il nuovo ordine mondiale è guerra)

Pacifisti contro la finale di Supercoppa in Arabia Saudita, per molte ragioni

(7 Gennaio 2019)

yemen: chi tace è complice

Mercoledì 9 gennaio alle 12,30 l’associazione ecopacifista Sardegna Pulita ha indetto un sit in davanti alla sede centrale della Rai, in Viale Mazzini, Roma. Chiede che non venga trasmessa in diretta la finale di Supercoppa Italiana tra Juventus e Milan in programma il 16 gennaio in Arabia Saudita, a Gedda. Parteciperanno al presidio anche esponenti sardi e romani dei Cobas, la Rete No War Roma e alcuni attivisti delle reti di solidarietà con la Palestina.

Queste associazioni sono impegnate da anni contro il sostegno italiano alla guerra in Yemen della coalizione a guida saudita e, in particolare, Sardegna Pulita è contraria alla vendita alla Arabia saudita di armi prodotte a Domusnovas dalla RWM Italia.

Era scontato che la finale della Supercoppa quest’anno in Arabia saudita avrebbe suscitato polemiche, anche se la finale di due anni fa in Qatar è passata inosservata e probabilmente i biglietti sono stati venduti con le stesse modalità discriminatorie verso le donne che in questi ultimi giorni hanno suscitato vivaci discussioni.

Ma l’assassinio del giornalista Khashoggi dell’ottobre 2018 ha suscitato molta impressione in tutto l’ Occidente, storico alleato dell’Arabia Saudita. E comprensibilmente i colleghi di Khashoggi sono stati in questa occasione meno indulgenti del solito con la dinastia Saud al potere a Ryad.

Ma se ad ottobre è stato assassinato Khashoggi, nel novembre 2018 in Yemen si è verificato il maggior numero di vittime civili, e nella stragrande maggioranza si tratta di vittime di bombardamenti della coalizione a guida saudita.
I pochi sinceri pacifisti attivi in questi anni nel nostro paese dovrebbero quindi moltiplicare le forze in questi ultimi dieci giorni prima della partita, per approfittare della maggiore attenzione verso Ryad e far conoscere le politiche guerrafondaie saudite a più italiani possibile.

Sarebbe già molto se fosse diffuso a milioni di persone quanto ha scritto Roberto Bongiorni sul Sole24ore del 28 dicembre 2018:
“ L’ Arabia saudita è il primo paese al mondo per spesa militare in rapporto al Pil e per valore di armi pro capite..
...sotto le loro bombe hanno perso la vita, in 4 anni di guerra in Yemen, 5 mila di civili. Secondo l’ ONU, le vittime della guerra sarebbero già 10 mila…..
85 mila bambini sono morti per cause legate alla fame..e 10 milioni di yemeniti sono malnutriti”.

Il nostro paese poi, molto sensibile ultimamente allo strapotere della Germania nell’Unione Europea, dovrebbe sentirsi umiliato dal fatto che Berlino ad ottobre ha sospeso la vendita di armi ai sauditi, però nello stesso tempo la società tedesca RWM, proprietaria anche della RWM Italia, utilizza il nostro paese per continuare a vendere le sue bombe all’ Arabia. Ma l’ orgoglio italiano in questa occasione è latitante.

E’ assolutamente inaccettabile anche il teatrino dei politici e dei pacifisti di professione sulla stessa vicenda delle bombe prodotte in Sardegna.

I governi PD hanno prima detto che l’Italia non poteva fare niente per fermare la vendita degli ordigni prodotti a Domusnovas, poi addirittura si è scoperto che facevano pressioni sulla Moby Lines affinché trasportasse le bombe anche nei mesi estivi, quando la compagnia navale era nel momento più intenso della sua attività nel settore passeggeri. Il M5S in quel periodo dichiarava nelle aule parlamentari che “Gentiloni aveva le mani sporche di sangue”, poi una volta al governo sta proseguendo la vendita accompagnandola da dichiarazioni ambigue.

Periodicamente invece pacifisti di professione, che rappresentano associazioni di milioni di persone, denunciano la vendita di armi italiane ai sauditi in guerra. Ma accettano senza fiatare che mozioni scritte da loro slittino per mesi interi negli ordini del giorno delle aule parlamentari e per il momento, anche in occasione di questa discussa finale, stanno zitti. Insomma si mettono alla testa delle proteste e si eclissano nei momenti più favorevoli per il loro successo.

Allora, se non amate che il nostro paese sia complice di guerre orrende, impegnatevi in questi pochi giorni. I risultati saranno in ogni caso superiori a quelli di altri momenti.

Marco Palombo

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

1774