il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Cose nostre

Cose nostre

(20 Luglio 2012) Enzo Apicella
20 anni dopo la stagione delle bombe e gli omicidi Falcone e Borsellino nessuna verità sulle collusioni tra stato e mafia

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Stato e istituzioni)

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

IO RICORDO...TUTTO
Incontro pubblico con Alessandra Kersevan

(13 Febbraio 2019)

Lunedì 18 Febbraio, ore 20,45
Sala Tommasoli – via Perini, 3 - Verona

io ricordo tutto a verona con la kersevan

Ricordo che a Trieste e in Istria tra il 1919 e il 1922 i fascisti assaltarono decine di centri culturali sloveni e croati, che incendiarono e distrussero le sedi sindacali, le cooperative contadine, le redazioni dei giornali operai e le tipografie; che furono
aggrediti, picchiati e assassinati decine di militanti politici e cittadini “slavi”; dopo il golpe del 1922 le violenze fasciste divennero “legali” e fu pianificata una “bonifica etnica” attraverso la chiusura delle scuole slovene e croate, i licenziamenti indiscriminati, gli espropri delle terre fino ad arrivare all'italianizzazione forzata dei
cognomi e dei toponimi;

Ricordo che dal 1941, anno della guerra italiana alla Jugoslavia, e per tutti i 29 mesi dell'occupazione dell'esercito italiano non ci fu villaggio dei territori occupati che non avesse avuto case bruciate o raso al suolo con migliaia di deportati e fucilati;

Ricordo che nel 1943 la repressione nazifascista dell';insurrezione popolare in Istria costò 10000 vittime e che in totale i morti dell'occupazione italiana in Jugoslavia furono oltre 200000, che migliaia, soprattutto vecchi e bambini, morirono di fame e
malattie nei campi di concentramento italiani e per loro non c'è nessun “giorno del ricordo”;

Ricordo che a tutto questo i popoli della Jugoslavia dovettero ribellarsi e fu in questo contesto che avvennero le uccisioni di fascisti e collaborazionisti che vanno sotto il nome di “foibe” e che si creò il clima in cui maturarono eccessi e vendette personali;

Ricordo che l'Europa fu libera grazie al sacrificio dei partigiani (tra cui molti comunisti) e che l'Italia è una Repubblica nata dalla Resistenza.

Per ricordare tutto

incontro con
ALESSANDRA KERSEVAN

Ricercatrice storica che da anni si dedica allo studio della storia del Novecento delle terre del confine orientale. È coordinatrice della collana “Resistenza storica” delle edizioni Kappa Vu e curatrice del sito di informazione storica http://www.diecifebbraio.info.

Potere al Popolo - Verona
PRC Verona Festa in Rosso
PCI Verona - Sezione Arnaldo Petrone

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Operazione foibe»

1872