il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Pro memoria per Monti

Pro memoria per Monti

(5 Dicembre 2011) Enzo Apicella
Il governo Monti propone la sua ricetta contro la crisi. Nessun taglio alle spese militari

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

Roma, 25 febbraio: una riunione pubblica del Raggruppamento -coordinamento cittadino operatrici-operatori sociali in lotta

(16 Febbraio 2019)

Le mobilitazioni degli operatori sociali a Roma sono sempre state al centro del nostro interesse. Il loro carattere rivelatore è del resto indubbio, su due fronti in particolare. Il primo concerne la precarietà delle condizioni di lavoro, legata al fatto che i servizi in cui gli operatori dispiegano le proprie energie sono totalmente esternalizzati e affidati a quelle cooperative sociali che, a dispetto della denominazione (che potrebbe rinviare a principi solidaristici), non conoscono altro fine se non il lucro. In second’ordine, trovandosi da solo ad assistere, poniamo, il figlio disabile d’una famiglia in difficoltà, l’operatore sociale è tra i principali testimoni e dell’impoverimento crescente di larghe fasce della popolazione e degli effetti devastanti dei tagli alla spesa pubblica. In sostanza, la sua battagli si carica di molteplici valenze e la sua rivendicazione di migliori condizioni economiche e normative fa tutt’uno con la richiesta di un potenziamento del servizio in cui è coinvolto; potenziamento che può verificarsi solo in conseguenza d’un maggiore intervento pubblico e di un correlato ridimensionamento delle rapaci cooperative. Certo, la complessiva lotta degli operatori sociali ha sin qui registrato una continua oscillazione tra fasi di notevole protagonismo e periodi di stanca, e risulta spesso difficile organizzare numeri consistenti di lavoratrici e lavoratori: la ricattabilità, inevitabile portato della precarietà estrema, spinge molti al silenzio. Tuttavia, tra alti e bassi, non sono mai mancate forme di coordinamento degli operatori sociali più consapevoli e combattivi. Nel decennio scorso, per dire, ebbe un certo impatto il Co.Citt.O.S (Coordinamento cittadino operatrici/ori sociali), che svolse un’encomiabile attività di smascheramento delle cooperative, ancora ammantate da un alone mutualistico. Oggi, vi sono diverse realtà, tra le quali non possiamo fare a meno di citare il Raggruppamento -coordinamento cittadino operatrici-operatori sociali in lotta, anche perché, in un lodevole sforzo unitario, è sostenuto e partecipato da diversi sindacati di base: Cobas, Usi, Cub, Usicons. Ora, il soggetto in questione ha promosso, per il 25 febbraio, una riunione pubblica che si terrà presso la sede dei Cobas, in Viale Manzoni 59, a partire dalle ore 19.00. L’ordine del giorno dell’incontro è di estremo interesse e comprende, tra gli altri punti: le modalità di partecipazione allo sciopero globale delle donne dell’8 marzo (Usi e Usicons hanno proposto di realizzare, nella mattinata, un presidio al Campidoglio); il concreto sostegno alla campagna cittadina per una delibera di iniziativa popolare volta all’internalizzazione del servizio assistenza e diritto allo studio degli alunni con disabilità, lanciata nelle settimane scorse dal Comitato Romano AEC; la possibilità di intervenire sulla proposta di delibera consiliare relativa alla riforma dell’assistenza domiciliare e dovuta a diversi consiglieri del Movimento 5 Stelle, così da avvicinarne il più possibile i contenuti alle istanze di utenti e lavoratori. Insomma, la stessa vastità degli argomenti trattati fa capire come, per gli operatori sociali, questo sia un importante momento di riattivazione: sarà dunque cura del nostro sito cercare di documentarlo quanto più possibile.

Il Pane e le rose – Collettivo redazionale di Roma

1176