il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Trayvon

Trayvon

(20 Luglio 2013) Enzo Apicella
Assolto il vigilante George Zimmerman che nel 2012 uccise il 17enne nero Trayvon Martin

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Stato e istituzioni)

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

contro ogni repressione
STATO E PADRONI FATE ATTENZIONE!

(28 Febbraio 2019)

2 Marzo ore 17.00 corteo da largo Preneste a Roma

contro ogni repressione euroastensionismo

contro ogni repressione
STATO e PADRONI FATE ATTENZIONE!

Non può essere altrimenti.
A qualunque faccia dell'ideologia dominante esso risponda, euroimperialista o euroscettica che sia,
ogni governo nazionale è costretto dal vincolo europeo,
dai suo codici, dalle sue imposizioni.

OGNI GOVERNO QUALUNQUE ESSO SIA E' SEMPRE SERVO DELLA BORGHESIA!

In ogni contingenza politica dentro l'epoca capitalistica, il governo ha espresso,
ed esprime, la volontà unitaria della classe al potere,
oltre la endemica lotta tra frazioni borghesi, contro il proletariato.

Oggi, nell'era della competizione pluripolare tra blocchi continentali imperialisti, dentro la dinamica di confronto dialettico tra sovranismo e globalismo,
si esplicita il passaggio da democrazia delegata a democrazia imperialista.
Una variazione sul tema del “migliore involucro” della dittatura borghese che,
unendo semplificazione e funzionalizzazione,
fa a meno anche delle proprie stesse “regole” di funzionamento,
come il suffragio universale o la giustizia della “legge uguale per tutti”,
approdando al controllo totale e preventivo di ogni comportamento,
prima che rivoluzionario, di semplice dissenso o “antisociale”.

Nessuna fascistizzazione inutile ed antistorica,
senza nulla togliere allo sporco ed usuale lavoro della canaglia nazifascista,
ma la completa affermazione della democrazia
come imbroglio ed inganno per i poveri e gli sfruttati.

In questo contesto si inseriscono i conseguenziali
provvedimenti di legge approvati dai governi degli ultimi 20 anni,
diversi nel colore politico ma unitari nell'intento di difendere la proprietà e la sua “sicurezza”, nell'intervenire preventivamente rispetto alle contraddizioni,
ed alle loro possibili esplosioni,
nel reprimere movimenti e militanti disposti alla lotta di classe.

I padroni non si accontentano del loro potere indisturbato di oggi,
ma guardano in prospettiva.
E sono preoccupati, perchè colgono nel loro sistema,
e nello sviluppo contraddittorio di questo, scenari inquietanti, a loro nemici.
Per questo tentano di organizzarsi,
coordinando ed armando la loro repressione a livello continentale,
reprimendo e carcerizzando quanti stonano al loro spartito.

Opporsi a questa strategia padronale preventiva non può significare soltanto scendere in strada per rivoltarsi e difendere gli spazi di libertà esistenti, ma porsi nella prospettiva del soppiantamento di questa società, vera origine di ogni ingiustizia.

E U R O A S T E N S I O N I S M O !

Classe contro Classe

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Storie di ordinaria repressione»

Ultime notizie dell'autore «Classe Contro Classe»

1929