il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Molot off

Molot off

(4 Febbraio 2011) Enzo Apicella
La rivolta in Egitto infiamma il mondo arabo

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Algeria: muore il figlio d’un Padre d’Algeria

(2 Marzo 2019)

algeria: polizia e forze dell'ordine

Ora che il figlio d’un padre della travagliata patria moderna che si sta ribellando a Bouteflika è caduto nei tumulti della piazza algerina, la vera rabbia potrebbe esplodere. Da due settimane l’Algeria è in subbuglio, tanta gente, anche il popolo dai sentimenti laici, non vuole che il presidente-cariatide si ripresenti per un quinto mandato. Bouteflika è l’ombra di se stesso, non solo del peccatore (non l’unico) della Rivoluzione tradita già all’inizio dei Sessanta, ma della figura cui i militari ricorsero alla fine del Novecento per superare una delle più sanguinose guerre civili ideologico-religiose della Storia coloniale e maghrebina. Preso il potere nel 1999 Bouteflika l’ha conservato anche dopo la palese malattia che lo costringe su una sedia a rotelle, silente e non si sa quanto cosciente. Ai conservatori, in divisa e non, che lo muovono a piacimento sta bene così, quel nome finché dura è un parafulmine che ha fatto superare anche la ventata di proteste delle Primavere del 2011. Alla notizia, diffusa ufficialmente a inizio febbraio, della partecipazione del presidente infermo (nel 2013 un ictus ne ha ridotto capacità motorie, dal 2016 c’è chi giura siano compromesse anche quelle comprensive e di eloquio) alle prossime elezioni d’aprile i malumori sono cresciuti. Nei due ultimi venerdì un numero crescente di cittadini è sceso in piazza, ieri molto più d’una settimana fa, tutti desiderosi di dire basta alla farsa del presidente pilotato. Poche ore fa diverse agenzie hanno battuto la nota che negli scontri sviluppatisi presso la sede del Parlamento, si lamenta una vittima.

In una delle cariche della polizia un uomo, Hassan Benkhedda, è scomparso per poi esser trovato cadavere. Il fratello e amici gettano sospetti su gruppi di teppisti presenti per via, al servizio delle forze dell’ordine, come i baltagheyah d’Egitto. La vittima ha un nome celebre: è uno dei figli di Benyoucef Benkhedda, di mestiere un cadi, che nella giurisprudenza musulmana svolge funzioni di notaio e giudice di pace. Ma Benkhedda, noto per il suo impegno politico nel secondo dopoguerra col Partito popolare algerino, è stato anche altro. Entrato dal 1955 nel Fronte di Liberazione Popolare guidò, con figure di spicco della resistenza anticoloniale, la lotta d’indipendenza contro l’occupazione francese. Benkhedda ricoprì l’incarico di presidente provvisorio dall’agosto 1961 al luglio ’62, visse i tragici contrasti, clandestini e palesi, interni all’organizzazione e al governo nel triennio 1962-65. Subì il colpo di mano del “clan di Oujda”, rimanendo ai margini della politica nazionale dopo la presa dei potere del colonnello Boumédiène. Fin qui il padre che, comunque, mori a 83 anni nel 2003, conoscendo lo strazio fratricida degli anni Novanta (oltre 200.000 morti) e la ”riconciliazione” di Bouteflika. Vissuto a suon di proclami come il ‘piano di crescita economica’ aperto ad accordi con l’Occidente, Unione Europea in testa, e la stessa Russia putiniana di cui l’Algeria è concorrente per le forniture di metano in Europa. Il suo potere è diventato da record, superando anche quello dei militari, sia Boumédiène sia gli uomini duri della guerra al Fronte Islamico di Salvezza come Zéroul, grazie a ritocchi costituzionali con cui faceva allungare al Parlamento i termini per il suo mandato, inventandone un terzo e un quarto.
2 marzo 2019

articolo pubblicato su enricocampofreda.blogspot.com

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il Mondo Arabo in fiamme»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

1591