il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Democracy

Democracy

(2 Novembre 2011) Enzo Apicella
L'Unesco, l'Organizzazione ONU per Educazione, Scienza e Cultura, riconosce la Palestina. Gli USA minacciano di non finanziare più l'Organizzazione

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Imperialismo e guerra)

  • 11 Dicembre 2019 - Milano
    Guerra permanente e rivolta sociale
    Ruolo e presenza militare dell’Italia
    Libano, Iraq, Iran, Kurdistan e….

SITI WEB
(Palestina occupata)

Rapporto settimanale sulle violazioni israeliane nei TO

(2 Giugno 2019)

PCHR-Palestinian Centre for Human Rights. Report settimanale sulle violazioni israeliane nei Territori palestinesi occupati: 23-29 maggio 2019.

Le forze israeliane continuano i crimini sistematici nei Territori Palestinesi Occupati.

Le forze israeliane hanno continuato a far uso di forza eccessiva contro pacifici manifestanti nella Striscia di Gaza.
– 11 civili palestinesi, tra cui 3 minori, un paramedico e un giornalista, sono rimasti feriti.

Un minore palestinese è stato ferito in Cisgiordania.
Le forze israeliane hanno condotto 54 incursioni nelle comunità palestinesi della Cisgiordania e 7 a Gerusalemme.
– 72 civili palestinesi, tra cui 12 minori e una donna, sono stati arrestati in Cisgiordania.

– 25 di loro, tra cui 8 minori e una donna, sono stati arrestati nella Gerusalemme occupata.

Si segnalano attacchi a fuoco contro le aree di confine della Striscia di Gaza.
– Due civili palestinesi sono stati feriti a est di Khan Younis, nel sud della Striscia di Gaza.

Le autorità israeliane hanno proseguito le loro attività di insediamento in Cisgiordania.
– Una casa in costruzione nel villaggio di Abayyat e una struttura agricola nel villaggio di Shoshahla a Betlemme sono state demolite.

Le autorità israeliane hanno continuato a creare una maggioranza ebraica nella Gerusalemme Est occupata.
Le forze israeliane hanno impedito ai fedeli palestinesi la pratica del i’tikaf (periodo in cui si resta in una moschea per un certo numero di giorni per pregare) e hanno intimato loro di lasciare la moschea di al-Aqsa.
Non si segnalano attacchi a fuoco contro le barche da pesca nel Mare della Striscia di Gaza.
Le forze israeliane hanno suddiviso la Cisgiordania in cantoni e hanno continuato a imporre la chiusura illegale sulla striscia di Gaza per il 13° anno consecutivo.
Le forze israeliane hanno istituito 92 check-point permanenti e 113 check-point temporanei in Cisgiordania.
Cinque civili palestinesi sono stati arrestati ai check-point militari in Cisgiordania.
Riassunto

Le violazioni israeliane del diritto internazionale e del diritto umanitario internazionale nei Territori Palestinesi Occupati sono continuate durante il periodo di riferimento (23 – 29 maggio 2019).

Colpiti

Nella Striscia di Gaza, le forze israeliane hanno continuato a far uso di forza letale contro i partecipanti alle proteste pacifiche organizzate lungo i confini della Striscia di Gaza, che hanno visto sfilare le proteste pacifiche per la 59ª settimana lungo l’area di confine est e nord della Striscia di Gaza. Hanno anche continuato a usare la forza anche durante le incursioni in Cisgiordania. Nella Striscia di Gaza, le forze israeliane hanno ferito 11 civili, tra cui 3 minori, un paramedico e un giornalista, mentre partecipavano alla Marcia per il Ritorno. Inoltre, 2 civili palestinesi sono stati feriti nell’area di confine della Striscia di Gaza. In Cisgiordania, le forze israeliane hanno ferito un minore palestinese.

Traduzione per InfoPal di Edy Meroli

2646