il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

"Incidenti"

(6 Novembre 2010) Enzo Apicella
Esplode la Eureco di Paderno Dugnano: sette operai feriti, quattro rischiano la vita. In Puglia tre morti sul lavoro nell'ultima settimana

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Di lavoro si muore)

BASTA MORTI PER IL PROFITTO DEI PADRONI!

(12 Luglio 2019)

A Bologna, il 15 luglio, un presidio di sensibilizzazione davanti alla sede INAIL

presidio sgb bologna 15 luglio 2019

E' appena finito il secondo trimestre del 2019 e siamo obbligati a prendere tristemente atto che in quella che si definisce una Repubblica fondata sul lavoro è invece un cimitero, un cimitero di lapidi che riportano tutte lo stesso epitaffio: "Morto sul lavoro".
I numeri sono quelli di una strage: come emerge dagli ultimi dati pubblicati nella sezione “Open data” del sito Inail nei primi cinque mesi del 2019 i casi mortali denunciati sono stati 391, a cui vanno aggiunti i casi di decessi in itinere e i 14 casi (noti ad oggi) di giugno per un totale di circa 620. Secondo l’Osservatorio indipendente di Bologna, che monitora tutti i luoghi di lavoro (non solo gli assicurati INAIL) invece, dall’inizio dell’anno i morti sono 672. A prescindere dalle questoni formali di iscrizione il trend si mantiene in linea con quello del 2018, che vedeva un aumento del 6% rispetto al 2017. Stiamo parlando di una media di 3 decessi al giorno compresi festivi, mentre resta sostanzialmente stabile il numero delle denunce di infortunio non mortale sul lavoro.
In un sistema già carente in materia di controlli e che vede dal 2008 subappaltata legalmente a privati una materia cosi delicata come la sicurezza sul lavoro, il "governo del cambiamento" ha preso decisi provvedimenti in materia con tre decreti interministeriali Lavoro-MEF: la recente manovra economica ha visto un abbassamento delle tariffe dei premi INAIL fino al 50% anche sulle lavorazioni più pericolose, con un risparmio previsto per i padroni che si aggira intorno a 1.7 miliardi di euro. Miliardi di euro che andranno a influire sulle liquidazioni per malattia professionale e infortuni causanti invalidità permanente. Miliardi di euro che saranno I LAVORATORI a pagare sulla loro pelle, con il loro sangue e il loro dolore.
SGB condanna questo sistema che fagocita esseri umani, che li rende ingranaggi sostituibili, da cambiare e gettare via quando un loro difetto mette a rischio il ritmo produttivo. Sgb continuerà a battersi per condizioni di lavoro più umane e dignitose, perchè ogni lavoratore abbia la certezza, a fine giornata, di poter tornare a casa.
Come SGB stiamo elaborando una proposta a tutela della vita
e della sicurezza dei lavoratori, tra le nostre richieste:
- Responsabilità penale per le aziende che vengano trovate mancanti in materia di sicurezza.
- Più controlli da parte dell’INAIL e degli altri enti preposti: uno all’anno in ogni azienda e fino a tre per le lavorazioni pericolose
- Tutela e impossibilità di licenziamento del lavoratore che denunci violazioni alle norme di sicurezza, ove queste venissero accertate.
- Invio di un ispettore per qualsiasi comunicazione di nuovo cantiere e apertura di nuova azienda.
- Più poteri per gli RLS, proposti ed eletti direttamente dai lavoratori senza ingerenze sindcali di alcun tipo.

SGB vi aspetta il 15/7 alle ore 10 davanti alla sede INAIL di Bologna in Via Gramsci 4 per un presidio di protesta.
Facciamo sentire la nostra voce: RIPRENDIAMOCI LA VITA, BASTA MORIRE DI LAVORO!

Sindacato Generale di Base Bologna

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Di lavoro si muore»

Ultime notizie dell'autore «Sindacato Generale di Base SGB»

1247