il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Ventiquattro ore senza di noi

Ventiquattro ore senza di noi

(1 Marzo 2010) Enzo Apicella
Sciopero generale dei lavoratori migranti

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(L'unico straniero è il capitalismo)

Ancora compleanni senza il festeggiato?

(16 Luglio 2019)

comitato immigrati in italia

Vedo che continuano ad andare molto di moda i compleanni dove il festeggiato non viene neanche invitato e non gli si fa nemmeno una telefonata per chiedergli se è d'accordo almeno sul menù della festa.

Si continua a parlare a nome degli immigrati e non si fa il neanche il minimo sforzo per chiedergli quali siano le loro vere necessità.

Si fanno presidi contro il Decreto Sicurezza e non si fa il minimo cenno alla legge Bossi-Fini, soprattutto sulla questione del permesso di soggiorno legato al contratto di lavoro, o alla necessità di un'urgente regolarizzazione dei "clandestini", o alla necessaria discussione in parlamento di una legge sullo ius soli, o al diritto al voto amministrativo per i lavoratori migranti, o al vergognoso iter burocratico per richiedere la cittadinanza italiana.

Si continua a far finta che i migranti siano solo quelli che arrivano nei barconi o che vivono nelle occupazioni. Si dà una visione della realtà completamente falsata. È verissimo che chi arriva per mare ha il sacrosanto diritto di essere accolto ed è altrettanto sacrosanto il diritto alla casa per un'infinità di famiglie straniere, e anche italiane, che vivono in occupazioni abitative.

Disgraziatamente però la realtà della maggioranza degli immigrati è un'altra.
I lavoratori immigrati, presenti in Italia anche da molti anni, inizialmente erano clandestini e in seguito a varie sanatorie (sempre promosse dalla destra) si sono regolarizzati. Col passare del tempo hanno imparato la lingua, hanno trovato lavoro, hanno costruito una famiglia e hanno cominciato ad avere gli stessi identici problemi dei lavoratori italiani.

Noi potremmo avere difficoltà per pagare l'affitto di un appartamento o le bollette, noi potremmo diventare disoccupati e non trovare più lavoro, noi potremmo non avere soldi per pagare le medicine o le visite mediche o la mensa scolastica. Noi potremmo non poterci permettere di mandare i nostri figli all'università. Noi, in poche parole, subiamo le stesse conseguenze che subiscono tutti i lavoratori con i tagli al welfare e a causa della precarietà.

Questi immigrati, che rappresentano la maggioranza della popolazione immigrata in Italia, non avevano bisogno del decreto sicurezza, primo o bis o ter o quater, per veder peggiorate le loro condizioni. Prima ancora delle leggi del governo giallo-verde, esistevano ed esistono ancora leggi che trasformano in clandestino chi perde il lavoro e non riesce a trovarne un altro in regola. Oppure leggi che rendono impossibile la concessione della cittadinanza italiana se non si raggiunge un certo limite di reddito.

Possibile che non si riesce a inquadrare l'immigrazione all'interno delle contraddizioni tra capitale e lavoro? Possibile che non si riesce a parlare di lavoratori quando si parla di migranti? Possibile che non si riesce a smascherare la falsità su un'emergenza che non esiste? Possibile che non riuscite a smetterla di parlare voi a nome degli immigrati?

L'emergenza immigrazione non esiste. L'unica vera emergenza è la necessità del sistema economico capitalista di avere un esercito di lavoratori facilmente ricattabili e senza diritti. Le leggi servono soltanto a rendere più o meno facile questo meccanismo. Dopo la fase dell'accoglienza e dell'integrazione, i migranti diventano lavoratori ed è veramente ridicolo, e molto controproducente, continuare a inquadrarli all'interno di una battaglia per la loro salvezza.

Noi immigrati, arrivati per mare, terra o aria, siamo solo e soltanto LAVORATORI e finché continuerete a festeggiare il nostro compleanno senza nemmeno spedirci l'invito, dubito seriamente che capirete il processo migratorio e che riuscirete a migliorare le condizioni di vita dell'intera classe lavoratrice.

Zaria Galiano - Comitato Immigrati in Italia

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «L'unico straniero è il capitalismo»

Ultime notizie dell'autore «Zaria Galiano»

1227