il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Violenza sulle donne

Violenza sulle donne

(30 Luglio 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • GIUSTIZIA E DIRITTO
    (25 Febbraio 2021)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Stato e istituzioni)

    'A COSTOLA

    A TUTTE le DONNE del MONDO

    (2 Agosto 2019)

    Er padreterno t'ha fatto nasce
    da 'na costola antro che fasce!
    Pe' “regalatte” all'omo
    ch'hai subbito corotto cor pomo.

    Lui Adamo tu Eva sua sposa
    lui fedele tu già curiosa,
    ammaliata dar serpente
    ma, 'o sai, er “padrone” der cielo tutto vede e sente.

    Cosi' pe' 'r frutto ch'hai assaggiato
    'n barba a chi t'aveva comannato,
    dar paradiso t'hanno cacciato
    e su' 'a tera catapurtato
    condannata
    pe' sempre asservita,

    la vita, li fiji 'a famija a guadagnatte,
    cor sudore de' 'a fronte a disperatte,
    offesa, carpestata, schiavizzata,
    tutti li giorni violentata.

    'N tutti i tempi de''a storia
    'o porti 'npresso ne' 'a memoria,
    reclusa 'n convento o drento quattro mura
    'n esistenza ridotta a 'na selva oscura,

    nei secoli dei secoli 'ncatenata
    come bestia da soma utilizzata
    drento 'na cintura castigata
    o come spasso, umiliata.

    Cosi' t'aritrovi fatta oggetto
    da chiunque a chiacchiere t'ha “protetto”
    drent' a 'na chiesa o 'na casa 'a morte a' aspetta',
    come tappezzeria ne' 'a pubblicità,
    o 'n passerella li mercanti a fa' 'ngrassà
    comunque in ruoli de puttana o sposa a recità!

    Poi a 'n certo punto te sei stufata
    urlanno te sei arzata
    “io sono mia!” è stata la chiamata
    co' tutte le altre te sei ritrovata,

    'na “strega” sei diventata
    'n faccia ar monno e a chi t'aveva trasformata
    'n mummia patinata,
    o casalinga ordinata
    fedele e appecoronata.

    Hai fatto trema' 'r potere,
    squotennolo a dovere,
    er re hai messo a nudo
    bucannoje ' o scudo.

    Hai fatto 'a tua rivoluzione
    senz'armi ma co' l'emozione,

    da cercà dignità e rispetto
    pe' nun esse' piu' solo 'na misura de petto,
    a pretenne' libertà e amore
    sulle convenzioni facenno vince 'r core!

    A prova' a vive 'n modo diverso
    'ndo' 'r diritto nun sia ar dovere avverso,
    'ndo' l'eguajanza nun sia 'na parola
    svennuta ar mercato come 'a scarola,

    e finarmente usci' de notte
    senza pija' 'e botte
    magara co' l'artre a frotte,
    e vive da sola senza marito
    pe' scerta o perchè l'amore nun è 'nfinito!

    Hai riscoperto sesso e corpo
    pe' secoli seporto
    o puramente 'ntrappolato
    drent' n destino segnato.

    Avevi bucato l'antra metà der cielo,
    è durato poco come 'n volo
    a' 'a fine l'ali se so' rattrappite
    come se 'e vacanze fossero finite.

    E allora come li morti viventi so' tornati
    quelli della “civile società” “omini” arabbiati
    dalla tua autonomia spaventati
    pugni cortelli pistole rispolverati!

    'Ncapaci 'r mutamento da comprenne
    fanno prima a fatte 'e penne
    perchè tu nun sia piu' tua
    ma de novo proprietà sua.

    'N timbro da 'nporre a ogni costo
    “o mia o morta” urla tosto.

    E' tornata 'a società de li maschietti
    quasi tutti ometti,
    e tu donna che ce rimetti
    come te metti, ancora aspetti?

    Si va be' denunci
    a vorte te pronunci,
    ma 'ntanto lui colpisce co' violenza
    drent' a 'n mare de indifferenza.

    'Sto grigio nun po' dura'
    'r colore tornerà!

    Rialzerai lo sguardo ai cieli
    cadranno tutti i veli,
    di nuovo la luna indicherai
    spariranno tutte le fedi vedrai.

    Un grande respiro sarà
    pe' l'intera umanità!

    Pino ferroviere

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Questioni di genere»

    Ultime notizie dell'autore «Pino Ferroviere»

    1936