il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Addio compagne

Addio compagne

(23 Febbraio 2010) Enzo Apicella
Il logo della campagna di tesseramento del prc 2010 è una scarpa col tacco a spillo

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

In merito agli articoli riguardanti il PRC di San Donà di Piave

(16 Settembre 2005)

In merito alle dichiarazioni rese in conferenza stampa dai responsabili regionali, provinciali e di circolo di San Donà di Piave, premesso che è del tutto ovvio ricordare che soltanto gli organismi dirigenti di Rifondazione previsti dallo statuto hanno competenza per eventuali accordi elettorali , nel merito della rappresentanza istituzionale negata alla compagna Marina Alfier, desideriamo sottolineare come il disconoscimento del suo ruolo di consigliere comunale in rappresentanza di Rifondazione comunista è privo di legittimità in quanto assunto arbitrariamente da un organismo non competente in assenza di un qualsiasi provvedimento disciplinare regolarmente adottato.
La compagna Marina Alfier, perciò, va considerata tutt’ora la legittima rappresentate del PRC nel consiglio comunale di San Donà di Piave come hanno deciso con il voto anche gli elettori sandonatesi.
Spetta perciò al circolo ed ai suoi dirigenti, anziché alimentare lo scontro interno, impegnarsi a creare le condizioni per la indispensabile fattiva collaborazione fra le istanze del partito e la sua rappresentanza istituzionale al fine da rendere efficaci le iniziative del PRC nei riguardi dei tanti problemi presenti nella realtà sandonatese e che l’attuale amministrazione di centro-destra aggrava di giorno in giorno.
Per completezza di informazione , vogliamo ricordare come il circolo di Rifondazione di San Donà, purtroppo, è dal gennaio scorso privo di un direttivo eletto conformemente alle regole congressuali ed i suoi attuali dirigenti operano costantemente in violazione dello Statuto assumendo decisioni illegittime come quelle sopra citate, impediscono la partecipazione anche fisica dei compagni delle minoranze – di cui Marina Alfier fa parte - alle assemblee e persino l’accesso ai locali del circolo, negando loro da mesi immotivatamente ed arbitrariamente la tessera, Il tutto, purtroppo, con l’avvallo del sandonatese segretario di federazione che, a nostro parere, dovrebbe invece svolgere una funzione opposta.

La costituzione del collettivo comunista “Bertold Brecht” oltre ad essere consentita dallo Statuto del partito è anche la diretta conseguenza di tali abusi nonché la rivendicazione del diritto di tutti gli iscritti al partito – indipendentemente dalle opinioni che essi possono esprimere in ordine al dibattito interno – alla piena agibilità politica come avviene in tutti i partiti democratici mentre nella Rifondazione veneziana e veneta c’è la tendenza a negarla..

Giudichiamo pertanto le dichiarazioni di Dal Bello e Sperandio una iniziativa ispirata non dalla volontà di fare quella chiarezza di cui parlano nella conferenza stampa e della quale francamente pensiamo che i partiti sandonatesi dell’Unione non ne abbiano bisogno, bensì da ragioni meno nobili, di calcolo politico correntizio o anche di natura personale in vista delle prossime scadenze elettorali che potrebbero interessare anche la realtà amministrativa di San Donà.

Purtroppo episodi di questo genere non sono nuovi nel PRC veneto. Lo stesso segretario regionale Sperandio li ha di recente stigmatizzati salvo, come nel caso di San Donà, dare loro, copertura politica.

Lucio Costa
Ezio Simini
Area PRC “Essere comunisti”- Veneto

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Dove va Rifondazione Comunista?»

Ultime notizie dell'autore «Essere comunisti- Area politica del Partito della Rifondazione Comunista»

6944