il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Raffaele De Grada 1916 2010

Raffaele De Grada 1916 2010

(4 Ottobre 2010) Enzo Apicella
E' morto all’età di 94 anni Raffaele De Grada, comandante partigiano, medaglia d’oro della Resistenza, critico d'arte.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

Memoria e progetto:: Altre notizie

Il governo che garantiva un'intera legislatura è caduto dopo 14 mesi

editoriale nuova unità n. 4/bis

(24 Agosto 2019)

Ancora una volta ribadiamo che è necessario abbattere il sistema capitalista e che è possibile vivere senza padroni, quindi senza sfruttamento né oppressione, se si agisce e ci si attrezza per diventare protagonisti del proprio futuro

Ursula Von

Ursula von der Leyen

Qualche lettore che ci segue sul sito internet avrà letto l’editoriale n. 4 pub-blicato in attesa del cartaceo, ma considerata la crisi – che comunque era già nell’aria – ci troviamo costretti a cambiarlo per seguire l’attualità anche se i tempi della politica non coincidono con i nostri di stampa.
In questa estate il potere borghese europeo ha stabilito di farsi rappresentare da due donne (leggi pag. 6): Christine Lagarde alla BCE, la più pagata al mondo (1.875,48 € al giorno), l'avvocato d'affari del FMI senza essere un'esperta di politica monetaria ma che è stata in grado di "gestire" crisi economiche - da quella Argentina a quella Greca. E la fedelissima di Angela Merkel, Ursula Von der Leyen (Cdu), già ministro della Famiglia (ha 7 figli) e due volte responsabile della Difesa in Germania, alla Commissione Ue. Nomine che, tra l'altro, dimostrano l'ennesimo inganno elettorale, cioè che non è vero che sono gli elettori a stabilire i propri rappresentanti nelle istituzioni e che conferma la giustezza della nostra posizione astensionista, di respingimento di questo carrozzone imperialista.
Tra il caldo sahariano e i disastri causati dalle piogge intense, dopo continue dispute verbali tra chi le sparava più grosse in una continua involuzione reazionaria, si è rotto il “contratto” con il quale i giallo-verdi ci hanno martellato per mesi, ma che negli ultimi tempi era sparito per lasciare spazio alle polemicucce e al delirio di onnipotenza di Salvini ministro degli Interni (che fa usare come una giostra la moto d'acqua della polizia compiacente al figlio) per aumentare la repressione con il pretesto di garantire la sicurezza agli italiani, in realtà per fomentare la paura e assicurarsi voti. Salvini ha staccato la spina (salvo ritirare la mozione di sfiducia alla base della crisi durante la seduta in Senato) copiando il vaffa dai suoi alleati che hanno sempre accettato il suo diktat. Il governo populista che si vantava di essere del cambiamento e di coprire un'intera legislatura per fare il "bene degli italiani" - in realtà di quegli imprenditori che poi portano all'estero produzione e capitali - può vantare un record: 14 mesi, il più corto nella storia d'Italia!
Con l'intervento (tardivo) di Conte al Senato - che ha scaricato tutte le colpe su Salvini e la Lega - si è aperta ufficialmente la crisi e del futuro governo ne parleremo sul prossimo numero anche se per noi un governo ne vale l'altro. Ora iniziano le consultazioni con Mattarella il quale chiede "un progetto serio e stabile", altrimenti, l’alternativa più credibile è quella di avere un governo tecnico che porti alle elezioni nel giro di pochi mesi. E il Pd è in fibrillazione per rientrare in pista - con i 5Stelle come alleati - e gestire l'aumento dell'Iva, affrontare l'enorme debito pubblico - sempre più in aumento - e le vertenze in corso che riguardano 240mila posti di lavoro a rischio, il DEF che sarà un'altra manovra di lacrime e sangue per le masse popolari.
Anche nel suo intervento becero e provocatorio al Senato, Salvini si è com-portato da dittatorello al di fuori da ogni rapporto istituzionale, incapace per-sino di motivare i suoi atti. Si è definito un bersaglio pronto a sacrificarsi, di non aver padroni né catene. E i suoi incontri negli Usa dove ha condiviso la politica guerrafondaia di Trump? E i rapporti con la Russia? E con la UE? Tutti i suoi strali contro la UE si sono infranti nel momento in cui ha respinto la candidatura dell'olandese Frans Timmermans garantendo, oggettivamente, la continuità del rigore e l'asse franco-tedesco in Europa, una scelta da "vecchia Europa". Anche la decisione di proseguire i lavori del Tav, oltre ad essere in linea con la UE, è un grande favore concesso al "detestato" Macron.
Ma alla base della Lega arriva il messaggio retorico e demagogico, i rifiuti "muscolari" che evitano ai propri seguaci di riflettere autonomamente, man-tenrli sottomessi, impauriti e culturalmente schiavizzati e li spingano alla mobilitazione reazionaria.
Qualunque sia il prossimo governo continuerà l'attacco generale al proletariato, leggi liberticide e di contrasto a chi lotta e contro ogni forma di opposizione sociale. In particolare quello del diritto allo sciopero, già fortemente limitato e utilizzato dai sindacati Confederali - impegnati a costruire la loro unità di vertice per aumentare il peso della contrattazione con governi e Confindustria - a sostegno di rivendicazioni padronali, inculcando tra i lavoratori che il loro benessere dipende dai profitti dei padroni, nonostante sia provato che i finanziamenti elargiti alle aziende, in tutti questi anni, non hanno evitato licenziamenti, delocalizzazioni e disoccupazione, non hanno difeso la salute né la sicurezza, ma hanno aumentato i profitti e reso il lavoro sempre più precario.
Si riparlerà di sciopero generale? C'è già una proposta del Sì Cobas per il 25 ottobre. In effetti ci sarebbe bisogno di una dimostrazione di forza della classe lavoratrice che non sia la patetica e inutile raccolta di firme del PD per chiedere le dimissioni del governo, ormai superata dalla scelta della Lega.
Ma l'esperienza e la realtà degli ultimi anni insegnano che non ci sono le condizioni per promuovere uno sciopero generale - e il movimento "di base" non è stato in grado di crearle - degno di questo nome, basato su reali ade-sioni e partecipazioni. Anzi gli scioperi "generali" - a volte a distanza di una settimana - indetti da varie sigle sono più per verificare la portata del proprio peso all'interno della classe e con un occhio alle campagne acquisti, che non a modificare i rapporti di forza a favore della classe lavoratrice - hanno alimentato sfiducia e demoralizzazione sia tra le avanguardie, sia tra gli stessi iscritti ai sindacati di base.
Lo sciopero generale ha senso e significato se proclamato e condiviso contro il padronato e i loro governi perché deve dimostrare che la classe ha la forza di bloccare i gangli vitali del paese, com'è stato quello dei trasporti del 16 giugno 2016 che, infatti, ha allarmato il governo e i suoi padroni.
Borghesia, padronato, governi e lo Stato con i suoi strumenti repressivi so-no i veri nemici. Ai padroni non interessa la sigla di appartenenza, ma la vo-lontà di ribellione al loro sistema di sfruttamento, oppressione e repressione che, oltre all'uso della polizia, si manifesta sempre più con i licenziamenti politici degli attivisti sindacali.
Operai e padroni non sono sulla stessa barca come sostengno i socialdemo-cratici e gli opportunisti vertici di Cgil-Cisl-Uil-Ugl che portano in piazza sfrut-tati e sfruttatori insieme. I lavoratori non hanno nulla da spartire con chi fa del profitto la propria ragione di vita. La vera forza del movimento operaio è l'unità della classe e l'unità nelle lotte, vincendo la frammentazione.
Il movimento dei lavoratori deve ritrovare fiducia nella sua forza e nella capacità di iniziativa valorizzando la propria posizione e l'attività del capitale che vuole neutralizzarla come soggetto antagonista. C'è bisogno di lavoro, ma coloro che lo hanno non pensino che "stando fermi e zitti", accettando il volere dei padroni con condizioni al ribasso o illudendosi in svolte risolutive del governo, prima o poi non tocchi anche a loro. Allargare la solidarietà con le situazioni in crisi (attualmente circa 200), con i disoccupati, con i lavoratori precari e sottoccupati rafforza il potere contrattuale e resiste ai colpi del nemico di classe. Sapersi organizzare per i propri interessi immediati e quelli futuri. I lavoratori devono fare un passo avanti e... pensare politicamente. È possibile vivere senza padroni, quindi senza sfruttamento né oppressione, se si agisce e ci si attrezza per diventare protagonisti del proprio futuro, con l'obiettivo di cambiare il sistema capitalista - che si basa su più lavoro meno soldi - in un sistema socialista.

nuova unità

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie dell'autore «Nuova Unità»

713