il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Il dilemma dei generali

Il dilemma dei generali

(23 Giugno 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

  • 18 Ottobre 2019 - Mestre (VE)
    Contro lo sfruttamento del lavoro e della natura, contro repressione e militarismo, per un fronte di lotta anti-capitalista

SITI WEB
(Senza casa mai più!)

Politiche abitative desaparecide alla politica

(29 Agosto 2019)

Governo, Conte, dopo l'incarico ricevuto dal Presidente della Repubblica, ha avviato il percorso per la formazione del Governo e per la definizione del programma.

unioneinquilini

Purtroppo nelle prime dichiarazioni del Presidente Conte abbiamo assistito alla ormai perenne amnesia programmatica, Neanche nei titoli di coda si parla della necessità di avviare politiche abitative degne di tale denominazione.
Ad oggi nessuno degli attori politici ha mai citato, tantomeno Conte, ne ha mai accennato alla questione della grave precarietà abitativa che in Italia colpisce centinaia di migliaia di famiglie italiane, alle quali fino ad oggi si è sempre risposto in termini di ordine pubblico e di repressione dei diritti.
Parliamo per esempio delle 650.000 famiglie collocate nelle graduatorie comunali; delle circa 60.000 famiglie che ogni anno subiscono una sentenza di sfratto; delle circa 30.000 famiglie che ogni anno sono sfrattate con l'uso della forza pubblica; delle migliaia di famiglie che in Italia sono state costrette alla illegalità formale, per avere un tetto, occupando immobili sfitti da anni pubblici e privati; del 1,7 millioni di famiglie che secondo Nomisma rischiano di cadere nel baratro della precarietà abitativa a causa dell'insostenibilità degli affitti.
Quindi si parla di milioni di italiani desaparecidos alla politica del Governo, completamente cancellati dall'agenda politica, la cui condizione è semplicemente sconosciutà.
Voglio augurarmi che qualche gruppo parlamentare, di quella che potrebbe essere la maggioranza, parli e proponga qualcosa in termini di politiche abitative pubbliche che aumentino l'offerta di alloggi a canone sociale da recuperare attraverso il recupero o la rigenerazione che dir si voglia dell'immenso patrimonio immobiliare pubblico e privato lasciato in disuso.
Per noi la vera svolta sarebbe questa tenuto conto che di questi milioni di italiani non si parla ovvero si parla solo in termini di sgomberi forzosi e di sfratti eseguiti.
Ma le persone non si dissolvono con gli sgomberi e con gli sfratti.
Compito del Governo è affrontare la precarietà abitativa e le disuguaglianze, Vogliamo augurarci che qualche segnale arrivi e che sia discontinuo e concreto.

Segreteria Nazionale Unione Inquilini

737