il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Fuoco amico

Fuoco amico

(21 Febbraio 2011) Enzo Apicella
Silvio Berlusconi spiega di non aver sentito il suo amico Gheddafi per non «disturbarlo» in un momento così delicato.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Stato e istituzioni:: Altre notizie

DANNUNZIANI DEL SECONDO MILLENNIO

(12 Settembre 2019)

Clima futurista oggi in piazza della Borsa a Trieste, in occasione dell’inaugurazione ufficiale (c’è stata un anteprima ieri, sembra, perché il sindaco ed i suoi accoliti hanno desiderato selfarsi assieme al monumento non ancora inaugurato, tolto dal cellofan e poi ricoperto) della statua di D’Annunzio. In una mattinata settembrina innaturalmente calda (tanto per dare ragione a Greta Thunberg) il salotto buono cittadino si è animato di giornalisti, emittenti televisive, nostalgici dell’arditismo, vecchi e nuovi arnesi della politica locale.
Noi, che siamo i soliti guastafeste, abbiamo ritenuto di fare cosa utile diffondendo la lettera del sindaco di Fiume Vojko Obersnel, che stigmatizza l’inopportunità delle celebrazioni dannunziane nel centenario dell’impresa fiumana. Ovviamente una copia è stata subito offerta al portavoce del sindaco, Vittorio Sgueglia della Marra, che ci ha detto, serenamente “eh sì, abbiamo già avuto questa lettera, ma per educazione non abbiamo risposto”. Ora, a prescindere che da una persona che costa alla comunità quasi 90.000 euro all’anno (così dice la stampa) ci saremmo aspettati una risposta un po’ meno sciatta, a noi ci hanno insegnato che “per educazione” si risponde, quando non si risponde è maleducazione. A meno che il suddetto portavoce (che è anche capo di gabinetto, e non facciamo doppi sensi, per piacere, anche se il clima è futurista) non abbia inteso dire che la loro risposta sarebbe stata tanto maleducata che è meglio che non abbiano risposto... ma sempre per i 90.000 euro all’anno di cui sopra ci saremmo aspettati qualcosa di più... però evidentemente la nostra presenza non è stata gradita dal primo cittadino, che, dimentico del suo proverbiale aplomb e savoir faire, dovendomi sorpassare, invece di chiedere prima permesso e aspettare che mi spostassi, mi ha prima spostata e poi ha chiesto scusa. Ma si figuri, sindaco, calpesti pure, il clima è quello, in fin dei conti.
Fino alle 11 circa incellofanata come in copertina, poco prima dell’inaugurazione la statua è stata avvolta da un tricolore circondato di blu.
Ammirevole il discorso dell’assessore Rossi che con giri di parole e voli pindarici ha cercato di convincere l’uditorio che la posa di tale statua è motivata dal fatto che il comune di Trieste ha deciso di investire in cultura e pertanto ha aggiunto la statua di D’Annunzio a quelle degli altri grandi letterati Joyce, Saba e Svevo (che non c’azzeccano per niente con il “vate” #perdir) in modo da dare una continuità culturale alla città. Peccato che dopo tanta fatica sia intervenuta a gamba (o braccio...?) tesa l’assessora Brandi che ha dichiarato, tranchant, che la statua è stata posta a perenne ricordo dell’impresa fiumana nel centenario della medesima (ha anche detto, dimostrando di non avere il senso della misura) che posare questa statua è stata un’impresa più difficile di quella fiumana... sigh!)..
A lato di tutto ciò, i nostalgici con le magliette degli arditi e cappelli alpini (ma il corpo degli alpini è d’accordo con questa commistione?), a farsi i selfie con le bandiere fiumane di allora, tanto per dimostrare che non vi è nulla di nostalgico in queste iniziative.
Molto futuristi anche questi, che in posa per i selfie di tutti i fans nonché le foto delle TV locali e internazionali, uno di essi si è adontato perché anch’io stavo facendo una foto, chiamandomi per cognome e dicendo “ma basta far foto!” (ovviamente gli ho risposto che di fronte all’esercito dei selfie fare questa osservazione a me sola mi sembrava ridicola).
Nel frattempo, il Veneto Fronte Skinhead nella notte ha coperto di manifesti provocatori l’ingresso del consolato croato: la naturale evoluzione del dannunzianesimo del secondo millennio, portato avanti consciamente o inconsciamente da rappresentanti delle istituzioni che aprono spazi di eversione che non porteranno alcun bene.

Claudia Cernigoi

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie dell'autore «Claudia Cernigoi/La Nuova Alabarda - Trieste»

1179