il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Fornero

Fornero

(21 Marzo 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

Per una piattaforma di lotta

(17 Marzo 2020)

Siamo stufi marci della retorica dolciastra e stucchevole che da più parti arriva. Noi lavoratori della scuola, noi lavoratori della sanità è da anni che denunciamo lo smantellamento di quelle che furono la sanità e la scuola pubblica, a tutto vantaggio dei privati, cliniche o scuole che esse siano.
Oggi ci chiamate ' i nostri angeli', i 'nostri eroi' e quelli stessi che oggi chiamano alle finestre per un flash mob di sostegno agli infermieri, colleghi/e che noi abbracciamo, ai medici, agli oss, sono gli stessi che dicono da anni che gli insegnanti non fanno niente, sono gli stessi che hanno sempre elogiato la sanità privata a tutto scapito di quella pubblica e lo stesso per quanto riguarda la scuola.
E non ci importa proprio nulla del fatto che oggi il MIUR, abbia sottolineato che gli insegnanti stanno andando al di là di quello che è loro richiesto con quell'obbrobrio che è la teledidattica.
Lo smantellamento della sanità e delle scuola sono andati e vanno di pari passo,è la pura verità.
Semplicemente perchè un popolo ignorante e che non riconosce più che la salute è un suo diritto inalienabile, è maggiormente manipolabile di un popolo colto, cioè critico e sano.
La scuola è stata massacrata in tutti questi anni: chiuse gran parte delle scuole di montagna, di campagna, quelle che tanti sindacalisti della 'triplice' sprezzantemente definivano 'troppo paesane', con il corrispondente taglio di posti di lavoro e defatiganti pendolarismi per gli studenti , con classi sempre più affollate e continui tagli al sostegno sono la norma per qualsiasi ministero degli ultimi trenta anni.
I nostri salari sono ormai al livello di pura sussistenza e vedono insegnanti, personale ATA e personale infermieristico, medici ed oss tra i peggio pagati d'Europa.
E dilaga il precariato nella scuola,in tanti ospedali e case di riposo.
Bisogna battersi, senza nulla chiedere con il cappello in mano, e pertanto diciamo:
1) Aumenti salariali per chi lavora nella scuola e nella sanità
2) Aumento dei posti letto del settore pubblico, un F35 costa quanto 7113 macchinari per la respirazione assistita
3) Ripristino delle scuole di paese, spendiamo ogni giorno per le missioni militari all'estero 50 milioni di eruro. Diminuzioni degli alunni per classe.
4) 6 politico.
Lo diciamo perchè noi la crisi che avete creato, 'LA VOSTRA CRISI', non la vogliamo pagare.
PERCHE' QUELLO CHE STIAMO VIVENDO , L'EMERGENZA CORONAVIRUS PER CHI LAVORA NELLA SCUOLA E NELLA SANITA' E' COSA DI TUTTI I GIORNI.
PERCHE' SIAMO SEMPRE IN EMERGENZA.
Occorre anche che a tutti gli studenti venga garantita la promozione senza se e senza ma. Non è certo responsabilità loro se le scuole sono state chiuse, se le scuole sono fatiscenti, se si spendono delle miserie per la loro messa a norma, se da anni gli studenti finanziano le scuole di ogno ordine e grado con quello che è stato definito il 'contributo volontario' senza il quale non si potrebbero fare nemmeno le fotocopie. Basta con i genitori costretti a comprare carta igienica, sapone e quant'altro..
I vari FLASH MOB fateli per conto vostro. Noi non ci saremo. Noi non ci staremo. E vi diciamo anche che 'non siamo tutti nella stessa barca'.

USI Lucca
USI Siena
USI Cesena

1127