il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Dove volano i salami

Dove volano i salami

(2 Maggio 2010) Enzo Apicella
Arrestati undici 'Falchi' della polizia di Napoli, per aver "ripulito" il carico di un tir rapinato

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

DOPO MINNEAPOLIS.
LA RIVOLTA DEI PROLETARI AMERICANI SIA UN ESEMPIO PER I PROLETARI DI TUTTE LE METROPOLI

(31 Maggio 2020)

Supplemento al n.1/2020 de « Il programma comunista »

La brutalità dello sbirro di Minneapolis non è l'eccezionale comportamento di un gendarme esaltato, psicopatico, fuori controllo... È l'espressione "spontanea" della principale funzione "istituzionale" delle forze di polizia dello Stato contemporaneo, borghese e imperialista: sorvegliare, punire, reprimere, controllare ogni comportamento "sospetto", individuale prima (la violazione o anche solo l'intenzione di violare la proprietà privata, nella sua versione di gretto possesso di merci da vendere), ma in potenza e in prospettiva collettivo e sociale (il sovvertimento delle forme di produzione che abolirà l'appropriazione privata della ricchezza prodotta dal lavoro collettivo dei lavoratori salariati di tutto il mondo). Lo sanno bene i lavoratori che lottano ogni giorno per il salario, per le condizioni di vita e lavoro, contro e fuori le regole stabilite dal "diritto" borghese, così come lo sanno i proletari e le masse proletarizzate delle zone dove esplodono e infuriano le guerre, dove lo sfruttamento imperialista rapina e devasta senza pietà.
Noi comunisti siamo totalmente solidali con i proletari, i sottoproletari e tutti coloro che non possono più sopportare la violenza dello Stato borghese, e che in queste ore manifestano la loro rabbia e la loro indignazione contro i simboli dell'oppressione poliziesca nei quartieri popolari; e certo non ci meravigliamo né indignamo se nella confusione generale si prendono d'assalto magazzini, empori e banchi dei pegni, simboli ben concreti della dittatura del denaro e della merce sulla vita umana.
Sappiamo bene che queste rivolte sono solo un sintomo della potenzialità rivoluzionaria della nostra classe e che, nonostante la loro durata e intensità, sono destinate a essere soffocate e riassorbite con il sacrificio del nostro sangue.
Ma queste rivolte (che i mezzi di comunicazione di massa, organi ed espressione della borghesia, si ostinano a ridurre a "proteste contro il razzismo e le disuguaglianze", condannando quindi ogni forma che oltrepassi la lamentela e il piagnisteo dei poveracci) devono insegnare e ricordare ai proletari di tutto il mondo che il nodo da sciogliere è quello del potere: rivoltarsi, bruciare le stazioni di polizia non è sufficiente, riprendersi le merci dagli empori o i soldi dalle banche e dai banchi di pegno non basta.
Oggi, i proletari americani sono costretti a rispondere con la forza ai soprusi degli sbirri e bene fanno a rispondere colpo su colpo alle aggressioni, così come bene fanno a rispondere colpo su colpo alla canaglia "suprematista bianca", dimostrando nella pratica della comune difesa che il proletariato è un'unica classe: chi tocca uno tocca tutti.
Tuttavia, è necessario un passo in più : è necessario comprendere che sbirri e fascisti sono solo strumenti del vero nemico, lo Stato borghese e imperialista – nemico anche e soprattutto quando si propone come mediatore "democratico", pacificatore e generoso erogatore di sussidi.
La rivolta è sacrosanta, la difesa è necessaria: ma non bastano. Dai quartieri proletari devono tornare a circolare la consapevolezza e la certezza che bisogna combattere non solo contro il potere, ma per la presa del potere: per abbattere il potere della borghesia e sostituirlo con il potere dei soli lavoratori salariati. Non basta prendere con la forza le merci prodotte dall'espropriazione del nostro lavoro: bisogna distruggere il sistema che ci ruba il lavoro e l’esistenza e con la rivoluzione comunista riorganizzare ogni aspetto della vita sociale.
La rivolta è un'esplosione obbligata. Ma la rivoluzione è una necessità che richiede organizzazione, programma, idee chiare e pratica di lavoro collettivo: in parole chiare e semplici, la rivoluzione ha bisogno di un partito che la indirizzi.
Il proletariato in lotta, il proletariato in rivolta, si deve organizzare con e nel partito comunista.

Partito comunista internazionale
(il programma comunista – kommunistisches programm – the internationalist – cahiers internationalistes

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Storie di ordinaria repressione»

Ultime notizie dell'autore «"il programma comunista" (Partito Comunista Internazionale)»

1190