il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

"Incidenti"

(6 Novembre 2010) Enzo Apicella
Esplode la Eureco di Paderno Dugnano: sette operai feriti, quattro rischiano la vita. In Puglia tre morti sul lavoro nell'ultima settimana

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Di lavoro si muore)

Vicenza, 12 giugno: presidio di lotta contro le morti sul lavoro

(11 Giugno 2020)

VENERDI' 12 GIUGNO, DALLE ORE 9.30, DAVANTI AL TRIBUNALE DI VICENZA (VIA ETTORE GALLO 24) SI SVOLGERA' UN PRESIDIO PUBBLICO DI DENUNCIA E DI LOTTA CONTRO LE MORTI SUL LAVORO.

no morti sul lavoro

L'iniziativa sarà concomitante con l'udienza del processo a carico di dirigenti e responsabili della SMEV, metalmeccanica di Bassano del Grappa, dove nel gennaio 2016 aveva trovato la morte, schiacciato da una pressa, l'operaio Mariano Bianchin.

Nel corso del presidio verrà rilanciata la parola d'ordine della solidarietà ai familiari del lavoratore ucciso e la necessità della lotta comune contro l'impunità di padroni e dirigenti responsabili (Thyssen Krupp, Marlane-Marzotto, Enel, Eternit, Pirelli...). Si attribuisce troppo spesso alla fatalità, al caso l'origine di questi eventi. Nella realtà la responsabilità di padroni e dirigenti è dimostrata dall'incremento di ritmi e dell'intensità del lavoro, dal continuo ricorso a straordinari, dalla mancanza di sicurezza che corrisponde semplicemente ad un costo aziendale da abbattere. Questo mentre i governi, di qualsiasi tipo e colore, scelgono una politica che taglia controlli e verifiche ispettive.

E' di fine 2019 la decisione della multinazionale Dometic, proprietaria di SMEV, con l'alibi della crisi internazionale, di chiudere i battenti, licenziando i 68 dipendenti. Solo i profitti contano.

Invitiamo ad aderire e a partecipare lavoratori e delegati Rsu/Rls, attivisti sindacali impegnati in difesa della salute e della sicurezza che sempre più spesso sono sottoposti a minacce, ricatti, ritorsioni e provvedimenti disciplinari fino al licenziamento.

Invitiamo a partecipare sindacati conflittuali, comitati per la difesa della salute dei lavoratori e dell'ambiente al fine di sviluppare una lotta unitaria più ampia. Non possiamo e non dobbiamo assistere passivamente al sacrificio di migliaia di lavoratori, alla negazione del diritto alla sicurezza sul lavoro e sul territorio, ai licenziamenti.

Bassano del Grappa-Schio giugno 2020

VOCI OPERAIE COORDINAMENTO LAVORATRICI E LAVORATORI ALTO-VICENTINO

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Di lavoro si muore»

1430