il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

La Fiom e la Fiat

La Fiom e la Fiat

(29 Dicembre 2010) Enzo Apicella
La Cgil attacca la Fiom per essersi opposta al ricatto di Marchionne

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

11 ANNI FA, LA STRAGE FERROVIARIA DI VIAREGGIO... PER RICORDARE SEMPRE, PER OTTENERE GIUSTIZIA E VERITA’

(29 Giugno 2020)

29 giugno 2020: sono passati 11 anni dalla strage ferroviaria di Viareggio, quando un treno carico di GPL, deragliò nei pressi della stazione, provocando la morte di 32 persone, centinaia i feriti, l’incendio che divampò distrusse un intero quartiere di Viareggio. Uno dei disastri ferroviari più gravi in Italia.
Sono trascorsi 11 anni da quel 29 giugno del 2009, ancora non si è arrivati a una verità processuale e giudiziaria definitiva. L’anno scorso, il 20 giugno del 2019, si pronunciò la Corte di Appello di Firenze, confermando sostanzialmente, a carico dei responsabili e di alcuni vertici delle varie imprese coinvolte, le condanne avute con la sentenza di primo grado. Siamo però tutte e tutti, parenti e familiari delle 32 persone scomparse, ferrovieri, cittadinanza di Viareggio, le tante strutture politiche, sindacali, associative, in attesa che arrivi la sentenza della Corte di Cassazione.
La verità processuale e le condanne, non ci restituiranno mai i 32 morti, ma consegneranno la memoria e il ricordo di quella strage ferroviaria, la consapevolezza della VERITA’ EFFETTIVA, LE RESPONSABILITA’ E LA GIUSTIZIA, perché rivendichiamo, ora e sempre, che è necessaria più sicurezza nelle ferrovie, maggiore salute sui territori e condizioni anche di lavoro ottimali per le tante figure che lavorano sui binari o sopra di essi, personale macchinista e del “viaggiante”, come quello addetto alla manutenzione e agli stessi abitanti attraversati dalle ferrovie, sia per il trasporto merci che per quello dei passeggeri.
Ci ha sempre interessato poco che i treni viaggino sempre più veloci, ci riguarda e ci interessa che viaggino SICURI.
Per la prima volta in questi undici anni, a causa delle misure di sicurezza e preventive anticontagio, non ci saranno iniziative pubbliche, come quelle promosse dall’associazione 29 giugno e tante altre solidali.
I ferrovieri che passeranno per Viareggio, faranno sentire la loro vicinanza e solidarietà, facendo fischiare le sirene dei treni.
Molti-e di noi, più umilmente, ricorderanno quella strage, una delle tante che a vario titolo hanno insanguinato l’Italia, questa volta non per una “strategia della tensione”, ma solo per l’IN-SICUREZZA dei trasporti finalizzata al profitto, sulla pelle di chi lavora e chi ci abita lungo le tratte ferroviarie, con un comunicato. PER RICORDARE SEMPRE CHE: “LA SALUTE NON E’ UNA MERCE, LA SICUREZZA NON E UN COSTO DA RIDURRE PER OTTENERE UN LUCRO E UN PROFITTO”.
Ai familiari delle 32 persone morte e chi è stato solidale anche in questa tragedia, il nostro ricordo e la nostra vicinanza, anche nelle tante altre lotte che si fanno quotidianamente sui posti di lavoro e sui territori.

Unione Sindacale Italiana fondata nel 1912 segreteria nazionale confederale Udine/Milano/Roma/Caserta

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Per un trasporto senza classi»

Ultime notizie dell'autore «UNIONE SINDACALE ITALIANA USI»

2963