il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Banka Banga

Banka Banga

(27 Ottobre 2011) Enzo Apicella
La borghesia imperialista europea decide di salvare la banche... con i soldi degli operai

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

SULL'INCONTRO INFORMATIVO DI ROMA CAPITALE con OO.SS. e RSU attorno al prossimo anno educativo-scolastico 2020/2021

Resoconto con notizie su misure e tempistica di asili nido e scuole dell’infanzia

(28 Luglio 2020)

usi14nov

Si è svolto oggi, un incontro informativo promosso dagli Assessori Mammì e De Santis rispettivamente con deleghe alle Politiche Educative e Scolastiche e al Personale, di Roma Capitale, , presso la sede di Via del Tempio di Giove 3,con le OO.SS. firmatarie di CCNL e le Rsu - delegazione centrale trattante in forma ridotta.
Ha introdotto la riunione l'Assessora Mammì, con la tempistica di ripresa di servizio del personale e di riapertura al pubblico degli asili nido capitolini e delle scuole dell’infanzia comunali. ASILI NIDO: personale in servizio dal 27 agosto 2020, riapertura all'utenza il 9 settembre. SCUOLE DELL’INFANZIA: il personale riprende il servizio dal 1° settembre, la riapertura all’utenza come previsto, il 14 settembre, secondo il calendario scolastico nazionale. Come al solito, per gli asili nido, la ripresa del servizio del personale educativo (al quale si aggiungerà anche quello ausiliario, attualmente in forza a Roma Multiservizi Spa, in via di trasformazione societaria) diversificata rispetto alla materiale procedura di accoglienza di bambini-e, è funzionale e necessaria per le operazioni di ripristino degli asili. Stessa cosa per le scuole dell’infanzia. NEL MESE DI SETTEMBRE 2020, SARA’ PREDISPOSTO UN ORARIO RIDOTTO (TURNO UNICO), DI APERTURA DEI SERVIZI ALL’UTENZA (definito con auspicata circolare informativa degli Uffici apicali, centrali/municipali), prima del ritorno a tempo pieno .
ACCOGLIENZA UTENTI NELLE STRUTTURE EDUCATIVE
(asili nido): nella prima fase, saranno inseriti nelle strutture, prima gli utenti già in carico, successivamente quelli di nuova iscrizione, per il loro ambientamento negli asili nido. Il rapporto numerico è quello pari a 1/7 per il personale degli asili nido, per le scuole dell’infanzia di norma e con le ricettività pre-pandemia, 1/25, 1/20 con diversamente abili, ma potranno esserci dei necessari adeguamenti per rispettare le disposizioni su distanziamento sanitario-sociale e in base al numero delle iscrizioni
MISURE DI SICUREZZA E INDICAZIONI DI CONTRASTO AL RISCHIO DI CONTAGIO DA COVID 19: Tutto il personale, educativo e insegnante, sarà sottoposto al “test sierologico”. Le strutture scolastico educative saranno dotate di termoscanner e delle misure di sicurezza, compresa fornitura di D.P.I. e di gel, disinfettante.
FORMAZIONE DEL PERSONALE: sarà predisposto, un corso di formazione on line, per il personale educativo e scolastico, sulle varie misure di sicurezza da rischio Covid 19
Ai genitori, seguendo una indicazioni di livello nazionale, sarà richiesto di sottoscrivere una dichiarazione di “patto di corresponsabilità”.
Si sta valutando, anche l’adeguamento (il rapporto numerico di norma era 1/15) del personale ausiliario, come potenziamento della forza numerica e della copertura del complessivo monte ore (ndr il personale è quello in forza a Roma Multiservizi con utilizzo, nell’ambito del procedimento di futura ristrutturazione della forma societaria e di quanto anticipato già il 25 giugno a Usi dal Dipartimento, su funzioni e mansioni aggiuntive e potenziate rispetto al mansionario del “global service”, sia per l’accoglienza in supporto alle educatrici che per le attività di pulizia, di sanificazione degli ambienti, di ausilio nelle operazioni connesse alla ristorazione, che è gestita ormai da altro personale in appalto nei 15 Municipi di Roma Capitale).
L’Assessore De Santis, ha voluto ribadire l’impegno dell’Amministrazione per la riapertura di asili nido e scuole dell’infanzia, sia per la tempistica graduale all’utenza, con la necessaria attività di reperimento delle risorse economiche e finanziarie, anche per il personale scolastico ed educativo, allo scopo di fornire secondo Roma Capitale ”la stabilità dei gruppi educativi e per il settore scolastico, in sicurezza ma con l’attenzione ad evitare possibili contagi”.
DOTAZIONE ORGANICA, CARENZE DI ORGANICO E IMPIEGO DI PERSONALE PRECARIO A TEMPO DETERMINATO; ASILI NIDO: carenze di organico attualmente accertate da Roma Capitale per gli asili quantificate in 268 unità, sono previsti compresa l’unità in più in appoggio per i diversamente abili, conferimenti di incarichi con contratti a tempo determinato pari a 1658.
SCUOLE DELL’INFANZIA: carenze di organico accertate attualmente dall’Amministrazione, pari a 649 unità, sono previsti comprese le insegnanti per sostegno ai diversamente abili (ndr dati in aumento nelle scuole, non solo comunali ma in generale di quelle di pertinenza di Roma Capitale), conferimenti di incarichi e relativi contratti a tempo determinato pari a 1691.
Non si è avuta informazione, invece, da QUALE GRADUATORIA saranno conferiti questi incarichi a tempo determinato, PERCHE’ ATTUALMENTE, ROMA CAPITALE INFORMA CHE LE GRADUATORIE UNICHE NON SONO ANCORA PRONTE PER LA PUBBLICAZIONE (ndr e stiamo al 27 luglio 2020…).
PROCEDURA DI RECLUTAMENTO VINCITRICI DI CONCORSO: secondo Roma Capitale, per gli ASILI NIDO, le vincitrici sottoscriveranno l’assunzione e il contratto a tempo indeterminato, entro l’inizio del prossimo Anno Educativo (ndr, ma l’esperienza passata ci ha fatto verificare che la tempistica è soggetta a strane evoluzioni, le 55 future assunte potrebbero essere chiamate come avvenuto per altre loro colleghe, prima a tempo determinato con la clausola di passaggio in corso di Anno Educativo, a tempo indeterminato…). Per LE SCUOLE DELL’INFANZIA, ci sono ancora problematiche da risolvere prima della materiale assunzione tempo indeterminato.
Gli Assessori e l’Amministrazione, non hanno fornito risposte alle logiche osservazioni di parte sindacale, sia sulle MISURE COMPLESSIVE E PROGRAMMATICHE, di UN PIANO DI RIORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI, sia per ASILI NIDO CHE PER LE SCUOLE DELL’INFANZIA, specialmente per il potenziamento degli organici nelle scuole (nel plesso, nelle singole sezioni…), sulle misure di prevenzione e contingentamento nelle fasi importanti di ingresso e di uscita di alunni-e, sul reale impegno per l’adeguamento del personale ausiliario (che NON è dipendente comunale), che per le opportune iniziative di RECLUTAMENTO DEL PERSONALE A TEMPO DETERMINATO-PRECARIO…se non sono pronte le graduatorie uniche, da dove e come e con quali criteri trasparenti e oggettivi, sanno reperite le lavoratrici e quindi conferiti gli incarichi, come sarà utilizzato il personale Oepa già Aec che è in forza alle cooperative sociali accreditate, di assistenza specialistica ad alunni-e con disabilità specie per le scuole comunali, in virtù della procedura di bando di gara centralizzato a 30 lotti (almeno) in corso…

VALUTAZIONE NOSTRA, (ndr di esperienza pratica di antiche gatte-i neri delle colonie feline di asili e scuole…): L’impressione che si ricava, è che oltre alle informazioni sui dati numerici, vi fosse da parte dei politici dell’Assessorato della Giunta Raggi, la necessità di dare un segnale rassicurante sulla riapertura al pubblico di asili nido comunali e delle scuole comunali, con una sottovalutazione in termini di carenza delle necessarie, doverose misure di ambito organizzativo, di programmazione e di panificazione delle attività, quindi della gestione quotidiana e delle indicazioni di indirizzo politico da dare anche ai dirigenti comunali, che invece sono aspetti fondamentali anche per questa area d intervento, quella scolastica –educativa della fascia 0-6. Come se fosse lasciata a future scelte di dirigenti e a quella che l’Assessore De Santis, in altro incontro informale con educatrici e insegnanti, precarie e di ruolo, svoltosi il 13 luglio scorso, ha definito “la piramide del servizio”, di cui “il personale era la base della piramide”…
facciamo rispettosamente notare, che NELLE PIRAMIDI CI STAVANO I FARAONI MORTI e le loro ricchezze, mentre nei servizi educativi e scolastici ci stanno lavoratrici e lavoratori vivi e vegeti e bambini-e in età di sviluppo e che tale situazione va gestita in modo sereno, pianificato e razionalmente gestibile, non in chiave sempre provvisoria ed “emergenziale”, anche nella fase 3 post pandemia…a meno che, non ci si affidi alle esperienze e alla passione quasi inesauribile del personale scolastico educativo, a tempo indeterminato e determinato, al personale esternalizzato e in appalto (ausiliari e dipendenti di Roma Multiservizi, cuoche, addetti-e alla ristorazione scolastica, Oepa già Aec…), alla loro capacità “creativa” di mandare avanti i servizi…L’ARTE DELL’ARRANGIARSI, nella migliore tradizione capitolina e italica…
Restate connesse-i, se ci fossero aggiornamenti e notizie ulteriori, ne faremo i resoconti.

A SETTEMBRE IN OGNI CASO, DOPO AVER RICARICATO LE ENERGIE…SI RIPRENDE COMBATTIVE-I PIU’ DI PRIMA, senza farsi abbindolare da sirene e specchietti per le allodole.
27 luglio 2020

A cura dell’Unione Sindacale Italiana Usi fondata nel 1912 e di Rsu area scolastico educativa aderenti a Usi a Roma Capitale

640