il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Il nuovo che torna

Il nuovo che torna

(30 Agosto 2010) Enzo Apicella
Il segretario del PD Bersani propone un "nuovo Ulivo".

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Stato e istituzioni:: Altre notizie

Referendum sul taglio dei parlamentari:
un aspetto della trasformazione reazionaria dello Stato borghese

(4 Settembre 2020)

Il 20-21 settembre si svolgerà il referendum che riduce il numero dei deputati da 630 a 400 e dei senatori da 315 a 200. Operazione politico-istituzionale, voluta dai populisti del M5S, e sostenuta dai partiti riformisti e reazionari (dal Pd alla Lega), demagogicamente e strumentalmente presentata come risparmio di risorse e contrasto alla “casta dei politici”.

Il taglio dei parlamentari non ha niente a che vedere con simili risparmi (incide per lo 0,007% della spesa pubblica). Per abbassare i costi basta ridurre gli stipendi dei parlamentari al salario di un operaio specializzato ed eliminare i loro vasti privilegi.

In questo modo, il parlamento diverrà meno ‘rappresentativo’ della società e più oligarchico; si rafforzerà il potere di segreterie di partito; si produrrà la distorsione della rappresentanza in regioni in cui saranno eletti candidati di partiti maggiori; si rafforzerà il potere esecutivo.

Tra l’altro, la riduzione dei parlamentari era contenuta nel “Piano di Rinascita Democratica” della Loggia P2, massonica eversiva, terrorista e filoatlantica.

Il taglio dei parlamentari è un’accelerazione nella trasformazione reazionaria dello Stato per concentrare il potere politico ed economico nelle mani della borghesia imperialista.

Un “parlamentino” sotto stretto controllo, per approvare più velocemente misure antioperaie e antipopolari all’interno della crisi capitalistica.

Padroni e parassiti dell’alta finanza mirano a far passare senza intralci leggi volte alla cancellazione delle conquiste e delle libertà operaie, all’aumento dello sfruttamento, alla demolizione dei servizi (sanità, istruzione, assistenza) e delle pensioni pubbliche, all’aumento della repressione, all’applicazione dei diktat UE, alla partecipazione alle guerre Nato/Usa.

Il referendum vuole dare una parvenza di consenso alle manovre dei partiti borghesi come parodia di consultazione popolare. I principali partiti e i media fanno carte false pur di far passare questo inutile e costoso referendum, ma si illudono se pensano così di legittimarsi di fronte alle masse. Ampi strati di operai e lavoratori sfruttati, donne e giovani, avranno modo per esprimere il loro rifiuto a simili manovre reazionarie negando il consenso a questa proposta di legge reazionaria e oligarchica, e manifestando la loro avversione al regime capitalista e alla sua falsa democrazia con un voto contrario.

Questo parlamento non rappresenta gli interessi delle masse popolari (inoltre, non vi siede neppure un operaio o un proletario), ma non possiamo tacere di fronte a politiche che mirano a ridurre gli stessi spazi di democrazia borghese.

Un NO, pur significativo non è sufficiente. I comunisti organizzati hanno il compito, oltre che il dovere, di unire e riunire ogni frazione e gruppo del movimento comunista, promuovere controinformazione e denuncia politica a livello di massa, organizzare le avanguardie della classe per lo sviluppo di lotte e movimenti di massa nell’interesse delle classi lavoratrici e delle masse popolari.

Denunciamo e smascheriamo i piani reazionari della borghesia, indicando e promuovendo organismi di democrazia proletaria nella lotta per una società socialista come alternativa alla dittatura borghese mascherata da ‘democrazia parlamentare’ e concretamente al servizio di capitalisti, padroni e ricchi!

Coordinamento Comunista Lombardia (CCL)
Coordinamento comunista toscano (CCT)
Piattaforma Comunista - per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie dell'autore «Piattaforma Comunista»

1327