il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Finanziaria

Finanziaria

(25 Ottobre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Capitale e lavoro:: Altre notizie

Roma, il PCI Lazio su vera misura anticrisi: cento miliardi per l’Italia

Altro che dibattito fuorviante su mes e recovery fund!

(2 Novembre 2020)

Le soluzioni, senza capestro alcuno le abbiamo. Naturalmente si tratta di scelte economiche, politiche e di classe. Su chi deve pagare la crisi, sulla uscita possibile senza il giogo della finanza internazionale. Questa la proposta comunista.

pci simbolo

“Partendo da una semplice constatazione, il Tesoro ha emesso titoli per 22 miliardi. – dice il segretario del PCI Lazio, Oreste della Posta - E l’offerta di acquisto è stata di otto volte superiore e tutte le altre emissioni di 8 e 12 miliardi hanno avuto richieste superiori. Si è verificato che sono stati comprati titoli con interesse negativo e con interessi molto bassi. Gli ultimi hanno avuto un interesse o,50 %. Oggi è da constatare che le economie francese e tedesca non godono di ottima salute, in questo quadro l’economia italiana si difende molto bene. – sottolinea il segretario regionale comunista - La nostra forza è anche dovuta al forte risparmio privato, e quest’anno si stima che i depositi bancari aumenteranno di circa mille miliardi di euro. L’Italia in questa fase è determinante per mantenere la UE in piedi. Che fare? La risposta è semplice: il Tesoro emetta titoli per cento miliardi di euro, per utilizzarli per rilanciare il sistema produttivo e sanitario. – propone Della Posta - E’ bene ricordare che da marzo a settembre il Governo non ha fatto nulla per potenziare i trasporti, le infrastrutture, la burocrazia, le assunzioni nel pubblico, dove mancano 500.000 lavoratori. E’ bene notare che l’ultimo DPCM emesso dal Governo è sbagliato ed inutile. Basta ricordare la chiusura di bar e ristoranti alle 18.00 che appare una misura solo vessatoria. Misure che si aggiungono, alla crisi strutturale che vede i lavoratori succubi di un capitalismo di rapina che produce drammi come la Wirphool e sfruttamenti con attacchi alla dignità del lavoro come in FCA o Amazon. Circa questa proposta economica, - conclude Orestde Della Posta - in risposta alle osservazioni dei neoliberisti, “ e se la BCE non li compra?” , affermiamo che è Domanda idiota e stupida, se andiamo giù noi, l’Italia, tutta la UE viene giù. Di conseguenza comprerà. Ma quello che preoccupa è il tempo. Tale emissione va fatta subito, il tempo non lavora per noi. Una parte di questi soldi vanno dati a tutte quelle categorie che sono in grave sofferenza dovuto al periodo di chiusura. Gualtieri, sveglia!”

Trasmesso da Maurizio Aversa

1552