il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Pace, lavoro e libertà

Pace, lavoro e libertà

(16 Ottobre 2010) Enzo Apicella
Manifestazione nazionale della FIOM

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Contratto Metalmeccanici)

Per lo sciopero dei metalmeccanici del 5 novembre

(4 Novembre 2020)

Due contributi a firma, rispettivamente, Patto d’azione anti-capitalista e della Assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori combattivi. Ci sono stati segnalati da Il pungolo rosso e volentieri li pubblichiamo

È il momento di una lotta vera e determinata!

Lavoratori/lavoratrici,

il rinnovo del vostro e di molti altri contratti di lavoro cade nel mezzo di una grave crisi sanitaria prodotta, più che dal virus, dai criminali tagli alla sanità pubblica avvenuti negli ultimi vent’anni per mano dei governi di centro-destra, “tecnici” e di centro-sinistra, su richiesta del padronato.

Ma i padroni pretendono di far pagare questa situazione proprio alla classe lavoratrice. Il presidente di Confindustria Bonomi ci ha sferrato un attacco brutale: zero aumenti salariali, sblocco dei licenziamenti, più produttività. Con questo terrorismo punta a concludere con Fiom-Fim-Uilm e gli altri sindacati di categoria, dei contratti-bidone sul tipo dell’ultimo contratto dei metalmeccanici, che ha portato nelle tasche dei lavoratori 40 euro lordi in 3 anni e una ‘flessibilità’ senza limiti, e sui conti dei capitalisti e dei banchieri montagne di profitti.

I dirigenti sindacali sono stati costretti a rompere le trattative, ma ci hanno messo un mese per attuare uno sciopero di sole 4 ore perché stanno cercando di ricucire a tutti i costi il filo della trattativa, disposti come sono ad ogni cedimento.

Noi lavoratori/lavoratrici che stiamo già pagando un alto prezzo per l’obbligo di andare al lavoro, ci siano o no le condizioni di sicurezza, se vogliamo evitare un nuovo contratto a perdere, dobbiamo dare vita ad una lotta vera e determinata, che sia di esempio, come è stato in passato, anche per le altre categorie. Facciamoci forti del nostro numero e della nostra funzione sociale: siamo la classe indispensabile, se ci fermiamo noi, si ferma tutto.

Piene misure di sicurezza sul lavoro per tutti/e, sotto il controllo dei lavoratori.

Chiusura immediata delle fabbriche a rischio. Non siamo carne da macello.

Nessun licenziamento! Cassa integrazione al 100.


Non un centesimo in meno dell’8% dell’aumento salariale previsto in piattaforma.

Fine delle “flessibilità” concesse negli ultimi contratti.


Totale parità normativa, salariale, di orari tra lavoratori diretti e lavoratori degli appalti. Pieno esercizio della libertà di iniziativa sindacale nei luoghi di lavoro: se si può lavorare, si può scioperare!


Raccogliamo l’esempio di lotta dei facchini e dei driver della logistica che hanno ottenuto in questi anni importanti miglioramenti grazie a dure lotte e alla loro auto-organizzazione con i sindacati combattivi.

Rivolgiamoci ai lavoratori e alle lavoratrici delle altre categorie in scadenza di contratto per unire le nostre forze in un solo fronte di classe!

Rilanciamo con forza la lotta per la riduzione drastica e generalizzata dell’orario di lavoro a parità di salario, e per il salario garantito a tutti i disoccupati. Imponiamo una patrimoniale del 10% sul 10% più ricco della popolazione!

I bisogni, le necessità, le aspirazioni di riscossa dei lavoratori sono comuni, e comune dev’essere la nostra risposta di lotta a questo padronato assetato di profitti e di sangue e al governo Conte-bis che, con abilità manovriera, non fa altro che assecondarlo.

Prepariamo un vero sciopero generale, l’unico modo per aprire le trattative con i padroni ad armi pari!


Patto d’azione anticapitalista – per un fronte unico di classe

----------------------------

SALARIO, SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO
APRIAMO UNA NUOVA STAGIONE DI LOTTA!


Durante la pandemia i metalmeccanici sono stati mandati al macello.

Ma quando chiedono aumenti salariali per Federmeccanica non se ne parla: al minimo segnale di dissenso i padroni fanno saltare la trattativa, e gli operai il contratto possono scordarselo!

Purtroppo i confederali li hanno abituati bene: due anni fa Cgil-Cisl-Uil hanno firmato il Patto per la fabbrica in cui gli aumenti salariali vengono ancorati alla produttività: insomma, qualche briciola in cambio di lauti profitti e carichi di lavoro aumentati.

Nell’ultimo rinnovo del CCNL ciò si traduce in: zero aumenti in busta paga, welfare aziendale in sostituzione del salario indiretto, che regala sgravi alle aziende e mani in pasta ai sindacati e verrà ancora una volta finanziato dai tagli alla spesa sociale, e soprattutto il via libera all’utilizzo di contratti a termine senza alcun limite temporale.

Il loro modello ideale è quello in cui milioni di persone sono senza lavoro mentre pochi fortunati si spaccano la schiena in fabbrica.


NON POSSIAMO PERMETTERLO!


Dopo mesi di sacrifici e di CIG ci troviamo a fare i conti con una seconda ondata pandemica che mette ancora più a nudo lo sfascio della sanità pubblica e che annuncia nuovi rincari nei beni essenziali, come già avvenuto con le tariffe di luce e gas.

L’attacco al CCNL dei metalmeccanici è un attacco a tutto il mondo del lavoro: un modo per renderci tutti più precari, più poveri e più ricattabili!


Per fermare questo attacco non bastano certo qualche fermo degli straordinari o 6 ore di sciopero spalmate in un mese: serve una mobilitazione fondata sul protagonismo di massa dei lavoratori; serve un vero sciopero generale!


Lo scorso 27 settembre centinaia di lavoratori e delegati si sono riuniti a Bologna per lanciare un percorso unitario di lotta, al di la di ogni steccato di sigla sindacale o di categoria.


IL LAVORO VA REDISTRIBUITO: LAVORARE MENO, LAVORARE TUTTI, A PARITA’ DI SALARIO!

- CHIUSURA IMMEDIATA E GARANZIA DELLA CIG AL 100% DEL SALARIO NELLE AZIENDE IN CUI NON SI RISPETTANO LE MISURE DI PREVENZIONE DAI CONTAGI O VI SONO FOCOLAI DIFFUSI DI COVID.
- NO ALLA PROLIFERAZIONE DI CONTRATTI PRECARI E IN SOMMINISTRAZIONE
AUMENTI SALARIALI PARI AD ALMENO L’8% DELLE RETRIBUZIONI.
- PIENO ESERCIZIO DELLA LIBERTA’ DI INIZIATIVA SINDACALE: SE SI PUO’ LAVORARE, SI PUO’ ANCHE SCIOPERARE!

Superiamo la paura e la rassegnazione, e facciamo capire ai vertici confederali che questa volta non accetteremo sciopericchi e mobilitazioni fasulle!

ASSEMBLEA DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI COMBATTIVI


assemblea279@gmail.com

Da pungolorosso.wordpress.com

1166