il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Pro memoria per Monti

Pro memoria per Monti

(5 Dicembre 2011) Enzo Apicella
Il governo Monti propone la sua ricetta contro la crisi. Nessun taglio alle spese militari

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Capitale e lavoro:: Altre notizie

Il futuro è della classe operaia, non dei padroni!

(5 Novembre 2020)

palazzo di confindustria

Roma, la sede nazionale di Confindustria

Nella prefazione del voluminoso libro “Il coraggio del futuro”, Confindustria scrive:“… questo volume che Confindustria offre, vuole essere un contributo per progettare, non subire, il futuro … per uscire da una miopia del presente e guardare ai prossimi anni e decenni, con un’idea ben precisa del nostro paese, di come è oggi e di come potrebbe diventare in futuro…”

Il coraggio del futuro del quale parlano i padroni è chiaro: smantellare i contratti, tornare ai cottimi, avere flessibilità totale e mani libere sui licenziamenti, arraffare tutti i miliardi dei finanziamenti UE.

Approfittano della pandemia per arricchirsi ed eliminare le nostre conquiste, mentre le condizioni di lavoro e di vita degli operai peggiorano e milioni di lavoratori si impoveriscono. Le morti sul lavoro e da lavoro non si sono mai fermate.

Il governo Conte spalleggia i padroni in mille modi, dai contributi a fondo perduto agli sgravi fiscali, dai bonus al mantenimento delle misure repressive dei decreti Salvini. Fa promesse che sistematicamente tradisce, oltre ad aver causato la “seconda ondata” perché fra salute e profitti ha scelto di tutelare questi ultimi.

Stato e padroni vogliono affrontare la crisi con un nuovo e poderoso giro di vite perseguendo, per quanto possono, una strategia che tenta di disinnescare il conflitto, soprattutto quando questo di manifesta nelle fabbriche e negli altri luoghi di lavoro.

Tutto questo mentre i vertici sindacali non organizzano una vera lotta, ma si mettono alla coda del governo. Hanno paura di essere scaricati e sono quindi sempre più “partecipativi”. Quando proclamano scioperi lo fanno con il “freno a mano tirato”.

La pandemia ha dimostrato che quando gli operai si fermano, l'intera società si blocca. I soldi per gli aumenti salariali, per il lavoro e la salute ci sono. Bisogna colpire profitti, patrimoni e redditi di quella minoranza che possiede la maggioranza della ricchezza del paese. I miliardi stanziati per le spese militari (solo per acquistare gli F35 altri 2,47 mld!) vanno utilizzati per le spese sociali

Di chi è il futuro?

La gravità della situazione richiede la consapevolezza che il futuro non è di chi sfrutta, licenzia e impone una vita misera, un lavoro incerto e pericoloso, di devastazione e morte. II futuro è di tutti coloro che lottano e lotteranno contro questo stato presente di cose.

Il mezzo per respingere l’offensiva antioperaia sta unicamente nella lotta di classe contro i capitalisti e i loro governi, nella prospettiva di un governo degli operai e degli altri lavoratori sfruttati.

La classe operaia, abbandonando illusioni riformiste e sirene populiste, può e deve mettersi alla testa di tutti i settori sociali scontenti e impoveriti, per imporre soluzioni a difesa degli interessi vitali delle masse lavoratrici, rovesciare la crisi sulle spalle dei padroni, dei miliardari, dei parassiti della società.

Per difendere concretamente diritti, lavoro, salute e sicurezza l’unica soluzione è eliminare i padroni, costruendo una società che garantisca la vita, la salute e l’ambiente.

Avanti con la lotta e l’unità di classe!

Coordinamento Comunista Lombardia (CCL)
Coordinamento comunista toscano (CCT)
Piattaforma Comunista - per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie dell'autore «Piattaforma Comunista»

1335