il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Il ricatto

Il ricatto

(20 Giugno 2010) Enzo Apicella
A Pomigliano la Fiat convoca, con scarso successo, una manifestazione a favore dell'accordo

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

NÉ UNTORELLI NÉ BURATTINI

(8 Novembre 2020)

comunicatousi

Abbiamo fatto presente come RSA/RLS USI Eureka I, sia in sede di incontro aziendale con le Rsa che durante l'incontro del Comitato per l'applicazione e la verifica delle regole del protocollo di regolamentazione, entrambi da noi richiesti con urgenza nel mese di Ottobre, spinte anche dalla vergognosa situazione che sta investendo molti operatori del servizio Oepa afferenti al Municipio XIII, la nostra obiezione all'utilizzo indiscriminato del personale Oepa. Nelle more della nota 76300 del 12 Ottobre 2020 si è dato vita ad un'arbitraria interpretazione della stessa e contestualmente allo sdoganamento di metodologie dell'utilizzo del personale Oepa discrezionale agli umori degli Istituti Comprensivi, nelle vesti dei Referenti H, in complicità di Municipio e Cooperativa che vanno a 'coprire', utilizzando il personale in forza giornaliero, qualsiasi situazione all'interno dei plessi, ben prima della scadenza del quinto giorno di assenza dell'alunno assegnato all' Oepa, tale prassi, orrenda copia di quanto purtroppo avviene nelle specialistiche che hanno diverse regolamentazione e normative, è da noi ritenuta pericolosa e insicura ,sia per il personale sia per l' utenza diretta e indiretta, il primo viene esposto ad un rischio maggiore di esposizione, di contagio e di propagazione del virus saltando di classe in classe, di scuola in scuola, comunicato semplicemente con un messaggio telefonico in tempo reale a fronte di un'orario strutturato nei luoghi e nelle assegnazioni e di una dotazione di DPI consona alla propria utenza abituale e non generica. Siamo totalmente consapevoli della situazione emergenziale e delle difficoltà del settore scolastico ma ciò non può e non deve, sull'onda di un'emergenza che attanaglia il paese da mesi, infliggere su lavoratori e lavoratrici. Non solo, la mancata efficace ed efficiente interazione tra Asl, scuole e cooperative, non solo in XIII, sta generando grosse difficoltà di gestione nelle situazioni di casi di positività al covid-19, comunicazioni di contatti stretti che arrivano frammentarie, ufficiose o in ritardo non consentono agli operatori di porsi tempestivamente in quarantena fiduciaria, restando in quarantena precauzionale su indicazione dell' RSPP per giorni, perdendo così la copertura in V29 e vedendosi poi prospettare come copertura dell'orario perso il ricorso al FIS, che noi riteniamo improprio e ingiusto. Altro gap comunicativo all'interno dei plessi scolastici riguarda la comunicazione a chi vi lavora di situazioni di positività sospette o confermate all'interno dei plessi che vanno a determinare l'assenza di intere classi, né vi è la sicurezza della dovuta sanificazione dopo la chiusura delle aule delle classi poste in quarantena né degli spazi comuni.

Altra questione che come RSA/RLS USI abbiamo voluto portare all'interno della discussione con la cooperativa, che giudichiamo non vada assolutamente sottovalutata, è il massiccio accrescimento di stress lavoro correlato, afferente a tutti i livelli e settori in cui opera il personale della cooperativa, incrementando il rischio di burnout e di quella condizione alterata di sopravvalutazione delle proprie capacità, forze e ruolo, condizione evidenziata anche dal considerevole numero di personale che annovera molteplici giorni di ferie e consistente orario accantonato, c'è stato garantito un maggior monitoraggio delle situazioni ,la ripresa delle supervisioni in quei comparti dove erano state sospese. Auspichiamo un'attenzionamento fatto con cura in tutti i settori, non essendo la prima volta che poniamo attenzione a queste anomalie. Su tutto ciò continueremo a vigilare, denunciare

...a non stare zitte, anche per questo ricordiamo l'importanza invitando tutte e tutti a partecipare allo
SCIOPERO NAZIONALE PER TUTTE LE CATEGORIE PUBBLICHE E PRIVATE
25 NOVEMBRE 2020

GIORNATA MONDIALE CONTRO LE VIOLENZE E LE DISCRIMINAZIONI SULLE DONNE, SUL LAVORO, IN FAMIGLIA, NELLA SOCIETÀ, PER SALUTE E SICUREZZA SUL-DEL LAVORO, SALARIO INTERO, DIRITTI E LIBERTÀ CIVILI E DI CITTADINANZA, DIGNITÀ PER TUTTE E TUTTI.
NÉ SERVI NÉ PADRONI, MAI

RSA/RLS USI soc coop sociale EUREKA I
USI Unione Sindacale Italiana fondata nel 1912

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Flessibili, precari, esternalizzati»

Ultime notizie dell'autore «UNIONE SINDACALE ITALIANA USI»

1168