il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Aiuto!

Aiuto!

(2 Maggio 2012) Enzo Apicella
A Torino contestato Piero Fassino al corteo del primo maggio. La polizia interviene con una carica pesante e immotivata.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • SOMMARIO DE IL PARTITO COMUNISTA N. 408 - Aprile 2021
    organo del partito comunista internazionale
    (15 Aprile 2021)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Storie di ordinaria repressione)

    • Senza Censura
      antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

    Un appello a sostegno di Giulio Petrilli

    (6 Aprile 2021)

    La vicenda vissuta da Giulio Petrilli presenta aspetti sconcertanti. In gioventù, egli ha passato 5 anni e 8 mesi in carcere, con l'accusa di essere uno dei capi di Prima Linea. Poi è stato assolto, ma non ha mai ricevuto nessun risarcimento per l'ingiusta condanna. Anzi, le vessazioni nei suoi confronti sono continuate, come attesta questo appello di qualche tempo fa, che ripubblichiamo con un preciso intento. Quello di non far dimenticare una pagina nera della giustizia italiana.

    APPELLO

    DIFENDIAMO LA GIUSTIZIA SOCIALE E CHI LA PRATICA

    Giulio Petrilli è stato condannato dalla Corte d'Appello dell'Aquila a otto mesi senza condizionale per abuso di ufficio per avere regolarizzato 5 dipendenti part time quand'era presidente dell'ARET (azienda regionale economia e territorio) dal 2006 al 2008, e siglato un nuovo contratto con il direttore, riducendone il compenso da 110.000 euro annui a 39.000.
    Quello che sarebbe stato un esempio di buon governo, proiettato verso il territorio da governare, diventa abuso di ufficio; eppure i cinque dipendenti sono ancora al loro posto.
    Noi che abbiamo conosciuto l'accusato, sosteniamo che, oltre alla persona, si sia voluto punire di nuovo un uomo che ha già pagato in termini di giustizia trovandosi poi prosciolto.
    Petrilli non ha potuto usufruire del risarcimento entrato in vigore nel 1989 per chi è stato condannato ingiustamente, perchè la legge non è retroattiva.
    Era stato condannato a 18 anni di età, con l'accusa di essere uno dei capi di Prima Linea. Ha passato 5 anni e 8 mesi in carcere, che non gli saranno mai restituiti.
    Su questa difformità nell'applicazione della legge egli ha costruito una lunga battaglia politica, rilevando che su ben 4 milioni e mezzo di persone vittime di errori giudiziari, solo 25.000 hanno ottenuto il risarcimento.
    Dopo l'iter di una proposta di legge promossa dal Partito Radicale, ed una ristretta applicazione all'interno della finanziaria 2012, Petrilli si è visto negare qualsiasi riconoscimento al risarcimento perchè, date le sue frequentazioni, non è stato ritenuto dalla Giustizia pentito di ciò per cui era stato accusato.
    Una legge che avrebbe potuto dare il suo contributo al superamento del clima instauratosi in Italia negli anni di piombo, non ha mai visto la luce.
    Ora noi, lavoratori, cittadini, impegnati nella costruzione della reciproca convivenza basata sulla giustizia amministrativa e sociale, chiediamo alla Giustizia Italiana ma anche alla Politica di prendere la vicenda di Giulio Petrilli come momento per rifiutare la colpevolizzazione dell'impegno politico e sociale nel paese, attraverso reprimende e condanne fuorvianti, e di approfittare del caso singolo per riprendere il percorso di superamento delle asperità degli anni di piombo.
    Revisione del processo e riconsiderazione politica dell'azione dell'imputato.

    Giovanni Russo Spena, giurista, ex parlamentare
    Italo Di Sabato, Osservatorio sulla repressione
    Marcello Pesarini, Osservatorio permanente sulle carceri, Antigone
    Antonio Di Stasi, Professore di Diritto del lavoro nell’Università Politecnica delle Marche, Avvocato
    Stefano Trovato, CNCA
    Roberta Palmieri
    Francesco Orazi Professore di Sociologia nell’Università Politecnica delle Marche, Avvocato
    Fabio Sebastiani direttore Controlacrisi
    Paola Ferroni
    Scaini Gianmarco
    M.Rosaria Russo dott.ssa in Scienze dell'Educazione Direttivo CGIL Lombardia 
    Adriana Spera
    Antonio Nardantonio consigliere comunale L'Aquila
    Claudio Grassi, ex senatore, Sinistra e Lavoro
    Sergio Sinigaglia, giornalista
    Massimo Rossi, ex sindaco di Grottammare ex presidente provincia Ascoli Piceno, Rete Beni Comuni
    Filippo Torretta avvocato
    Linda Santilli, Sinistra e Lavoro
    Nicola Iannarelli, Sinistra e Lavoro
    Giuseppe Barnato, Imperia

    Trasmesso da Marcello Pesarini

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Storie di ordinaria repressione»

    515