il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

USA & getta

USA & getta

(23 Marzo 2010)
Approvata la riforma della sanità negli Usa, ma la spesa per l'aborto sarà a carico delle donne che lo richiedono

Tutte le vignette di

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

La luce di Akbar, romanzo di Navid Carucci

(11 Aprile 2021)

la luce di akbar 3

Quant’è lontano, misterioso, complesso l’Hindostan in cui si muove Abu’l Fath Jalal al-din Muhammad Akbar, terzo imperatore della dinastia Moghul. Indubbiamente lo è. Ma può essere avvicinato, rivelato, diventare addirittura accessibile se ci si lascia condurre per mano dalle storie pubbliche e private che Navid Carucci, con prosa maestra, offre in questo romanzo. Le vicende narrate sono liberamente vissute nella mente dell’autore, eppure i personaggi, da quelli centrali - il sovrano Akbar, l’erede Salim, il mullah Badauni, il gesuita Acquaviva, la bella Man Bai, l’inconsolabile Samir - sono tutti vissuti cinque secoli or sono. L’anno 988 dell’Egira, il 5340 per gli Ebrei, il 4681 per gli Hindu, il 1580 per i Nazareni. Certo, l’apice dinastico raggiunto proprio sotto Akbar, il più Grande non solo di nome, fu una fase di luce che andò ad affievolirsi e soprattutto nessun Capo di Stato ne eguagliò saggezza, giustizia, curiosità, tolleranza, timore di Dio. Vissuto poco più di sessant’anni, la salute non lo sostenne e già a quaranta delle coliche facevano temere una sua prematura scomparsa. Ma Allah protesse ancora per due decenni la capacità di Akbar di far misurare fra loro teologi chiusi nei rispettivi dogmi: sunniti, sciiti, hindu, zoroastriani, gesuiti in missione, e immancabili cultori della Torah. Un incontro di confessioni e culture, di menti e desiderio di primato. Eppure l’equilibrio di Akbar poneva nella luce migliore le qualità d’ognuno, creando in tempi dove, in ogni latitudine, per fede ci si sgozzava, il modo per misurare l’intelletto, rilanciare il confronto e l’apertura dell’anima. Vicende tuttora attualissime, perché la storia legata alla politica per secoli ha continuato a usare la religione per sopraffare anziché meditare e consolare. Nello spedito srotolarsi della trama che, con un uso mirabile dei dialoghi fra i personaggi, procede come la sceneggiatura d’una pièce teatrale, hanno un ruolo vitale gli intrecci personali, le storie amorose, le passioni, le fobìe, i desideri, le frustrazioni. In ogni pagina c’è una vita antica, non diversa, però, da quanto di simile continua a esistere nel nostro presente. Che per essere meglio compreso deve guardare indietro, poiché nella Storia come nella vita quel che ci ha preceduto non dista poi tanto da quanto sta accadendo.

articolo pubblicato su enricocampofreda.blogspot.com

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Culture contro»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

1676