il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Sasà Bentivegna, Partigiano

Sasà Bentivegna, Partigiano

(3 Aprile 2012) Enzo Apicella
E' morto ieri a Roma Rosario Bentivegna, che nel 1944 prese parte all’azione di via Rasella contro il Battaglione delle SS Bozen.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Ora e sempre Resistenza)

La Resistenza è all’ordine del giorno

(22 Aprile 2021)

scintilla

Questo 25 Aprile, come ogni anno, ricorderemo e renderemo omaggio alla vittoriosa Resistenza al nazifascismo condotta dai Partigiani, dagli operai e dai contadini guidati dal Partito Comunista d’Italia.

La Resistenza del 1943-45 ha rappresentato il punto più alto raggiunto dalla lotta di classe nel nostro paese.

Da essa, nonostante il tradimento revisionista, continuiamo a trarre innumerevoli lezioni.

Il problema di fondo posto dalla Resistenza, quello del rovesciamento dei rapporti sociali, continua ad essere un problema posto e da risolvere.

Quest’anno il 25 Aprile giunge dopo un lungo periodo di sofferenza e sacrifici per i lavoratori e le masse popolari. Durante quest’ultimo anno la resistenza degli operai, dei lavoratori sfruttati, dei giovani, delle donne, contro gli attacchi della borghesia non è mai cessata.

Vi è resistenza attiva in ogni regione, in ogni città, in ogni categoria.

E’ resistenza alle politiche criminali dei governi borghesi che scaricano sui lavoratori e le massi popolari il peso della crisi, della pandemia, del debito, per salvare un sistema di cui beneficia una minoranza di parassiti.

E’ resistenza all’aumento dello sfruttamento in fabbrica e nei posti di lavoro, ai licenziamenti e al ricatto occupazionale per imporre salari da fame.

Resistenza al precariato e alla disoccupazione.

Resistenza alla repressione antioperaia e antisindacale.

Resistenza alla trasformazione reazionarie dello Stato e della società, alla soppressione delle libertà e dei diritti dei lavoratori.

Resistenza alla militarizzazione della vita sociale, alla violenza dello Stato borghese.

Resistenza a una sanità per i ricchi, a una scuola di classe.

Resistenza alla devastazione ambientale.

Resistenza all’oppressione e alla discriminazione che grava sulle donne lavoratrici e degli strati popolari.

Ed è resistenza crescente ad un governo dell’oligarchia finanziaria imposto con una manovra di Palazzo.

Tutte queste forme di resistenza si basano sulla lotta e sulla solidarietà di classe. Tutti i movimenti di resistenza dei lavoratori e delle masse popolari, delle loro organizzazioni, contro l’offensiva borghese, sono legittimi e da sostenere.

Le contraddizioni intrinseche del capitalismo fanno sì che questi movimenti di resistenza sono destinati ad ampliarsi e radicalizzarsi.

Per farla finita con questo sistema bisogna unire, organizzare e sviluppare le resistenze, infondendo loro un carattere rivoluzionario.

Impariamo dalla Resistenza del 1943-45!

Oggi come ieri, per organizzare e dirigere la resistenza di classe verso la liberazione sociale, è necessario ricostruire il Partito comunista, fattore fondamentale del processo rivoluzionario.

Per i comunisti, per gli operai avanzati, non basta volere il Partito. Bisogna portare avanti i compiti corrispondenti ed essere conseguenti. Oggi ciò significa costruire l’Organizzazione comunista preparatoria del Partito.

Uniamoci, organizziamoci, lottiamo insieme!

Editoriale di “Scintilla” n. 114 – aprile 2021

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Ora e sempre Resistenza»

Ultime notizie dell'autore «Piattaforma Comunista»

1093