il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Gugliotta

Si apre una finestra sui metodi della polizia italiana

(14 Maggio 2010) Enzo Apicella
I TG trasmettono l'intervista a Stefano Gugliotta, che porta i segni del pestaggio immotivato da parte della polizia

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

REPRESSIONE ANTIOPERAIA E ANTI SLAI COBAS SC A TARANTO

(25 Maggio 2021)

slai cobas sc 3

Anche a Taranto in questi mesi sta andando avanti una repressione padronale/Istituzionale che ha chiare caratteristiche fasciste.

Abbiamo già parlato e torneremo a farlo dei licenziamenti all'ex Ilva, poi ArcelorMittal e ora Acciaierie d'Italia, che hanno un evidente messaggio intimidatorio verso tutti i lavoratori: licenzio alcuni singoli lavoratori per imporre a tutti di abbassare la testa, di non pensare, non denunciare problemi di sicurezza, a fronte di una politica che ogni giorno mette a rischio il lavoro, attacca il salario di migliaia di lavoratori, la sicurezza e con incidenti/mancanza di manutenzione degli impianti che mettono in grave pericolo la vita stessa dei lavoratori.

Un altro fronte è il Cimitero, dove tempo fa vi è stata un'aggressione criminale verso il delegato Slai Cobas da parte del referente della Ditta creando un clima di pesantissima intimidazione, minacce contro tutti i lavoratori dello Slai Cobas con il chiaro tentativo di far fuori materialmente lo Slai Cobas, sindacato nettamente maggioritario al Cimitero. In questa aperta repressione, Magistratura, Istituzioni locali, e per l'ex Ilva anche Ministri, si sono voltati dall'altra parte o hanno dato ragione ai padroni.

Recentemente sta andando in scena - questa volta tra i lavoratori e in particolare contro lo Slai Cobas sc della ex Pasquinelli, lavoratori impegnati in appalti pubblici che da 10 anni lottano per una stabilizzazione lavorativa nell'impianto di selezione della differenziata - un'altra faccia di fascismo padronale, in questo caso di un Ente pubblico, l'Amiu che vuole il licenziamento di 8 lavoratori. Questa volta il messaggio è ancora più chiaro, dice apertamente, e opera di conseguenza: io voglio attaccare, liberarmi dello Slai Cobas e per farlo tolgo il lavoro ai lavoratori - indipendentemente se sono tutti dello Slai Cobas o di altri sindacati, addirittura se erano presenti ad una iniziativa sindacale dello Slai Cobas o no. Con un'azione di aperta ritorsione/vendetta: due hanno protestato e io per ritorsione faccio fuori 8.

Su quest'ultima repressione leggi il comunicato dello Slai Cobas per il sindacato di classe nel blog tarantocontro: https://tarantocontro.blogspot.com/2021/05/lavoratori-ex-pasquinelli-senza-lavoro.html

Queste repressioni sono accompagnate da dichiarazioni, reazioni alle denunce e iniziative sindacali, da parte delle aziende isteriche, anche viscerali, fuori da ogni "normale" contrasto azienda/sindacati, che mostrano l'attuale humus che caratterizza questi attacchi; in cui ciò che si vuole colpire non è neanche la lotta, la protesta in sè, ma il fatto che lavoratori, lo Slai Cobas sc osi mettere in discussione il potere dei padroni, o di rappresentanti istituzionali.

Non è un caso che in generale, anche in altre realtà a livello nazionale, la motivazione di vari licenziamenti repressivi è la "rottura del legame di fiducia", che tradotto è "non ti sei assoggettato a me".

Tutto questo richiede, maggiore comprensione da parte dei lavoratori e una lotta, risposta, unità che deve necessariamente elevarsi per scontrarsi con questa nuova realtà.

24 maggio 2021

SLAI COBAS SC

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Storie di ordinaria repressione»

Ultime notizie dell'autore «Slai Cobas per il sindacato di classe»

1981