il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Mondi

Mondi

(24 Novembre 2010) Enzo Apicella
Crisi irlandese. La finanza specula sul debito pubblico. La politica chiede sacrifici.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Capitale e lavoro:: Altre notizie

Il canto del cigno che muore...MA LA NOSTRA LOTTA PROSEGUE

(10 Giugno 2021)

comunicatousi

"Tutti sappiamo che il canto più bello, il cigno, lo alza in prossimità della sua morte... Qui stiamo già al funerale però... Dei lavoratori e lavoratrici Multiservizi". Queste le prime parole della segreteria Romana USI. "È stato pubblicato un bando "ponte" ( tramite procedura negoziata in via di urgenza, articolo 63 codice degli appalti,,,carente della reale MOTIVAZIONE DI URGENZA), che già lo scorso anno aveva visto vincente la Cns e poi sospesa dalla magistratura amministrativa, che deve affidare servizi PUBBLICI ESSENZIALI per la città di Roma per un anno. Stiamo parlando di servizi scolastici come i servizi AUSILIARI nei nidi e nelle scuole, le pulizie, il trasporto scolastico, compreso quello per alunni-e disabili e per rom sinti e caminanti. Fino ad oggi la Roma Multiservizi era in proroga tecnica (in attesa delle decisioni degli organi giudiziari, la prosecuzione al soggetto gestore per evitare l'interruzione del pubblico servizio a settembre prossimo, era atto più semplice e logico). La sindaca Raggi aveva promesso una "gara a doppio oggetto" sostenendo tutele per tutti (cittadini utenti e lavoratori). Non essendo riuscita, per ben due volte consecutive, a creare dei presupposti solidi rispetto l'impianto normativo (ricordiamo le diverse sentenze TAR e Consiglio di Stato che hanno interrotto le procedure ritenute illegittime) vigente, oggi esce l'ennesimo coniglio dal cilindro (pochi giorni fa l'assessore Lemmetti aveva improvvisato l'idea di una fusione di società che nulla hanno a vedere l'una con l'altra... Zètema e Farmacap). L'USI si è sempre battuta per la RI-PUBBLICIZZAZIONE di questi servizi strategici dell'area scolastico educativa, tutelando i lavoratori e le lavoratrici (circa 2400 in totale in maggioranza con contrati part time "anomali") coinvolti e riteniamo che quella sia l'unica soluzione dignitosa per tutti-e. L'assurdità di questa gara improvvisa è che a breve anche la Corte di Giustizia Europea dovrà pronunciarsi su ricorsi della Multiservizi, ma la Raggi ha preferito investire altre risorse (per la serie paga Pantalone) per indire una gara la cui motivazione "d'urgenza" è molto labile e poco giustificabile. Aspettiamo di vedere l'esito in assemblea capitolina della sospensiva per questa gara che le opposizioni chiederanno raccogliendo le firme, già dalla seduta del 10 giugno 2021, per predisporre un consiglio comunale straordinario sulla vicenda. L'esito dovrebbe essere quasi scontato, visto che non esiste più una vera maggioranza a sostegno della Giunta Raggi. Ma abbiamo visto che questa consiliatura sa stupirci con effetti speciali. Noi invitiamo i lavoratori, le lavoratrici, la cittadinanza sensibile, all'assemblea presidio che si sta organizzando, in occasione del prossimo consiglio straordinario richiesto dalle opposizioni. Intanto è già convocata su questa ennesima incresciosa e inopportuna scelta della Giunta Raggi e dei dirigenti apicali del Dipartimento, una Commissione Consiliare Trasparenza e Garanzia, per il 18 giugno mattina, dove non solo consiglieri e consigliere, ma anche la nostra organizzazione porterà il suo contributo di esperienza e di ripristino di meccanismi di giustizia, legittimità, sostanziale oltre che procedurale, a sostegno della piena tutela salariale, occupazionale e delle professionalità lavorativa, dimostrata in condizioni di disagio, dalle operaie e dagli operai di Roma Multiservizi addetti al global service, per il benessere dei piccoli utenti e per un lavoro dignitoso e in sicurezza.
LA ROMA MULTISERVIZI non la difendiamo come azienda, perchè non tratta in modo decente e rispettoso operaie e operai, su diritti fondamentali come le ferie, i permessi il salario effettivo e i carichi di lavoro, quindi Usi NON difende l'esistente, ma questo non vuol dire che si legittimino operazioni avventuriste di parte dell'Amministrazione comunale, in spregio agli indirizzi approvati dall'Assemblea capitolina in questi anni, sulla pelle di chi lavora e per il peggioramento del servizio pubblico alla cittadinanza e agli alunni e alunne.

Segreteria intercategoriale Usi fondata nel 1912

1246