il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Suora Pronobis

Suora Pronobis

(10 Settembre 2011) Enzo Apicella
Maurizio Sacconi spiega l'articolo 8 della Manovra (quello sui licenziamenti senza giusta causa) con l'esempio delle suore violentate: "basta dire di no"

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

CON RABBIA IMMENSA E PROFONDA

(18 Giugno 2021)

Con rabbia, salutiamo Adil, il lavoratore e coordinatore del S.I. Cobas di Novara, ucciso stamattina da un crumiro alla guida di un Tir, durante un picchetto davanti al magazzino Lidl di Biandrate (Novara), e partecipiamo al dolore della sua famiglia e dei suoi compagni di lotta. Con rabbia, pochi giorni fa abbiamo visto bande di killer prezzolati aggredire i lavoratori licenziati dalla FedEx davanti al magazzino della Zampieri di Tavazzano (Lodi), quando solo per caso non è rimasto a terra un altro morto, e assaltare il presidio dei lavoratori della Texprint di Prato. Con rabbia, assistiamo, giorno dopo giorno e in tutto il mondo, all'omicidio sul lavoro (nelle fabbriche e nei cantieri, nei porti e nelle campagne, ovunque si produce plus-valore) di proletari e proletarie, vittime della legge del profitto che domina e insanguina la società del Capitale, dello sfruttamento selvaggio, della repressione anti-proletaria.

A questa rabbia, che è immensa e profonda, deve accompagnarsi la lucida comprensione della necessità di darsi un'organizzazione di base stabile, non categoriale e non locale, centralizzata e coordinata, in grado di rispondere, con l’estensione e l’allargamento delle lotte, non solo al quotidiano massacro sul posto di lavoro, ma anche al pluridecennale, schifoso tradimento di partiti e sindacati istituzionali, e di orientare la propria lotta non solo alla necessaria difesa delle proprie condizioni di vita e di lavoro, ma anche al rafforzamento e radicamento del partito rivoluzionario: perché questo modo di produzione assassino va combattuto e abbattuto con tutti coloro che lo difendono e lo sostengono, per sostituirvi infine la società senza classi, il comunismo.

Solo così potremo vendicare Adil e l'infinita schiera di proletari e proletarie che, decenni dopo decenni, ovunque nel mondo, hanno versato il proprio sangue sotto il tallone di ferro del Capitale.

18/6/2021

Partito comunista internazionale
(il programma comunista – kommunistisches programm – the internationalist – cahiers internationalistes)

1258