il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Finanze d'alto bordo

Finanze d'alto bordo

(27 Novembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • VOI G20, NOI IL FUTURO
    (27 Ottobre 2021)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    APPUNTAMENTI
    (Capitale e lavoro)

    SITI WEB
    (Flessibili, precari, esternalizzati)

    POCHI, MALEDETTI E SUBITO...DEL DOMAN NON V’E’ CERTEZZA…

    (2 Settembre 2021)

    RESOCONTO INCONTRO SINDACALE SOC ZETEMA E OOSS E RSU DEL 31 AGOSTO 2021

    logo zetema

    In data 31/8/2021 si è tenuto il Tavolo RSU da remoto avente per O.d.G. il Premio Produzione. Il Tavolo è stato aperto dall’Amministratore Unico Dott. Tagliacozzo, che ha brevemente accennato ad alcune interlocuzioni con l’Assessore al Bilancio (Lemmetti) di ROMA CAPITALE, che avrebbe garantito la possibilità di convocare l’Assemblea dei soci non appena possibile, per approvare il bilancio Zètema. Il Tavolo è poi, proseguito con la dr.ssa Taliani (ndr la consulente esterna alla quale è stato affidato l’incarico di gestire le relazioni sindacali a Zètema) che, rispetto all’ultimo incontro (in cui aveva proposto un Premio Produzione da corrispondere esclusivamente tramite “welfare” - Fringe e flexible), ha modificato la proposta, trasformandola in 516 euro da corrispondere mediante Benefit e 93 euro in moneta sonante. La RSU/USI ha immediatamente rifiutato tale proposta, ribadendo la posizione del sindacato autorganizzato, espressa dello scorso incontro: il bilancio chiude in pareggio o in utile il lavoratore ha diritto alla corresponsione del Premio Produzione. La scelta UNILATERALE DELL’AZIENDA di IMPORRE il welfare come modalità esclusiva, o “offerta” di 93 euro, non troverà sponda nell’USI. La discussione è proseguita con le posizioni delle altre sigle sindacali presenti e con la dr.ssa Taliani che ha ribadito la volontà di erogare un premio nonostante le difficoltà connesse all’anno della pandemia, parlando di premio “nella forma più fruibile” (che non è denaro contante ...“ma è assimilabile”). Solo quando la dr.ssa Taliani ha espresso perplessità rispetto le obiezioni mosse sulle esigenze di tanti lavoratori e lavoratrici, di ricevere il premio in denaro (le è parso strano che “abbiamo tutti questi dipendenti che non mangino”), la Rsu di Usi è nuovamente intervenuta e molto duramente. Nessuno si deve permettere di indagare le necessità dei singoli lavoratori che portano a chiedere (per esempio a me in qualità di RSU USI ed ai propri rappresentanti sindacali), di DIFENDERE L’ EROGAZIONE DEL PREMIO IN EURO (e non in buoni “assimilabili”, con cui non si possono pagare bollette, mutui, condomini o assicurazioni). La Rsu Usi Serenetta Monti pertanto ha sottolineato come, evidentemente, la strategia aziendale (rispetto anche alla delibera con cui la Giunta Raggi ha ridefinito il Contratto di Servizio, stanziando più di un milione di euro) sia stata quella di investire sulle consulenze esterne, piuttosto che sugli istituti contrattuali da rispettare. Chissà se questo faceva parte degli intenti della Giunta quando ha stanziato il finanziamento a dicembre 2020? Perché nel 2021, come si è verificato a titolo di esempio, tra la consulenza della dr.ssa Taliani (60.000 euro fino a luglio 2022), quella del dr. Severino, altri (rispetto ai 40.000 euro ricevuti lo scorso anno per 7 mesi di lavoro) 75.000 euro fino ad aprile 2022, quella del Setale (65.000 euro per 12 mesi fino al 2022), avremmo già superato lo stanziamento
    aziendale per i premi del 2018 (relativo al 2017, 102.942 euro) e del 2016 (relativo al 2015, 107.478... peraltro anno difficile, viste le delibere Marino sul contenimento della spesa). Menzione speciale per le consulenze della dr.ssa Preau, comparsa a febbraio 2021 che in 4
    occasioni diverse, per un totale di 12 giorni lavorativi ha ricevuto 3.200 euro per ricoprire il ruolo di “Membro della commissione incaricata di scegliere... ” ...I consulenti esterni o selezioni interne, aziendali. Concludendo: la posizione UFFICIALE E’ DEFINITIVA PER L ‘USI è che i lavoratori e le lavoratrici dipendenti della società Zètema Progetto Cultura, ancora per quest’anno (“...del doman non v’è certezza…”) abbiano diritto all’erogazione del Premio Produzione in denaro, con opzione di scelta per il welfare (sul quale c’è stato anche un siparietto sui costi di attivazione della Piattaforma...che chissà quanto si pensava potessero essere, poi si è scoperto dalla documentazione ufficiale che l’Affidamento diretto ai sensi dell’art.36, co.2 lett.a) D.lgs.50/2016,nel rispetto dell’art.6 lett. b) del Regolamento interno di Zetema, è stato di ben 2301,18 euro per il primo anno ...e di 1033,72 per il secondo, sempre per lo stesso affidatario: DAY RISTOSERVICE SPA).
    E quanto potrà mai costare ora!?!
    La Rsu Usi Monti, ha preteso che l’Azienda inviasse una formalizzazione delle proposte, perché stranamente, in parecchi, avevamo capito che si partisse dalla stessa cifra dello scorso anno, salvo poi capire diversamente alla fine del Tavolo di negoziazione. Per chiarezza, quindi, occorre la formalizzazione da parte aziendale. Non appena tale bozza sarà condivisa con le OO.SS., si farà nuovamente il punto e l’aggiornamento.

    Serenetta Monti (RSU/USI Zètema e componente della segreteria collegiale intercategoriale di Usi)

    1496