il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Anniversario

Anniversario

(11 Settembre 2010) Enzo Apicella
Anniversario del golpe in Cile

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(America latina: un genocidio impunito)

  • C.I.C.A
    Collettivo Italia Centro America

Australia collaborò al golpe contro Allende

(15 Settembre 2021)

colpo di stato in cile

Venerdì 10 settembre 2021, alla vigilia del 48° anniversario del colpo di Stato militare che rovesciò il governo socialista di Salvador Allende in Cile l'11 settembre 1973, l'Archivio della Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti (NSA) ha pubblicato documenti declassificati che rivelavano come la CIA usò altri Paesi nella preparazione dell'intervento di Washington contro il presidente cileno democraticamente eletto. Questo è avvenuto in seguito alla scelta di un tribunale amministrativo di ordinare la consegna di centinaia di documenti datati 1970-1973, relativi all'apertura, amministrazione e chiusura della stazione di Santiago.

Secondo questi documenti, per volere della CIA, l'Australian Secret Intelligence Service (ASIS) ha istituito una "stazione" a Santiago nel 1971 e ha condotto operazioni di spionaggio clandestino per sostenere direttamente l'intervento degli Stati Uniti in Cile. L’ASIS, dunque, installò un quartier generale segreto dal 1971 al 1973 a Santiago del Cile, subito dopo la vittoria dei socialisti e dei comunisti, per svolgere "operazioni di spionaggio clandestino" in un nuovo atto dello "sforzo multinazionale per destabilizzare il governo cileno". Questa cellula di spie australiane ha coordinato agenti australiani e cileni che erano stati reclutati dalla CIA.

Secondo quanto rivelato a dicembre 1970, il ministro degli esteri australiano e membro del Partito Liberale, William McMahon, autorizzò l'apertura di questo quartier generale dando inizio alla cooperazione degli agenti dell'ASIS con la CIA. Le operazioni prevedevano il reclutamento di risorse cilene e la presentazione di rapporti di intelligence direttamente al quartier generale della CIA a Langley, in Virginia.

Nella primavera e nell'estate del 1971, i dipendenti dell'ASIS inviarono agenti e attrezzature in Cile per organizzare la stazione. "Si dice che la nostra cassaforte e macchina da scrivere dalla Stazione arriverà a Valparaíso intorno all'11 settembre e sarà consegnata entro una settimana " - ha osservato un rapporto segreto della metà del 1971.

Tuttavia, nella primavera del 1973 il nuovo Primo Ministro del Partito Laburista, Gough Whitlam, ordinò al direttore dell'ASIS di chiudere le operazioni in Cile. Secondo un memorandum di conversazione desecretato scritto dall'allora direttore generale dell'ASIS William Robertson, Whitlam era "preoccupato" dalla possibilità che fosse resa pubblica una partecipazione australiana al golpe fascista e militare in Cile in quanto "estremamente difficile" da giustificare.

Un altro rapporto ha anche osservato che il primo ministro "era ben consapevole dell'importanza di questa operazione per gli USA" e che "era molto preoccupato che la CIA non interpretasse questa decisione (di chiudere la base) come un gesto ostile nei confronti degli Stati Uniti in generale o verso la CIA in particolare”.

"Il Primo Ministro ha detto - come si legge in un altro documento declassificato - che era ben consapevole dell'importanza di questa operazione per gli americani ed era più preoccupato che non interpretassero la sua decisione come antiamericana (...) Ha detto che quello che lo preoccupava di più era che gli americani non credessero che lui personalmente disapprovasse ciò che stavano facendo in Cile, né che sostenesse Allende”.

La stazione australiana dell'ASIS, a quanto sembra, è stata chiusa nel luglio 1973, anche se, secondo i documenti rivelati (nonostante siano in gran parte oscurati), un agente dell'intelligence australiano sarebbe rimasto a Santiago del Cile fino a dopo il colpo di Stato militare dell'11 settembre guidato dagli Stati Uniti.

Un altro rapporto di Seymour Hersch pubblicato nel settembre 1974 sul The New York Times, dichiarava che la CIA aveva preparato il colpo di Stato finanziando segretamente scioperi sindacali e corporativi in Cile per più di 18 mesi, prima che Allende fosse rovesciato dal generale Augusto Pinochet.

“Cinquant'anni dopo, si prosegue nella conoscenza della storia finora occulta, degli sforzi concertati e segreti per destabilizzare il governo democraticamente eletto di Salvador Allende. Il verdetto della storia su Paesi come l'Australia e il Brasile, all'epoca intervenuti in Cile, dipende anche dalla piena conoscenza di questo passato oscuro” - ha affermato Peter Kornbluh, storico della NSA.

Questa importante declassificazione è il risultato di una serie di richieste di libertà di informazione da parte del Dr. Clinton Fernandes, un ex analista dell'intelligence dell'esercito australiano e professore di studi internazionali e politici presso l'Università del New South Wales a Canberra, che ha fatto pressioni sul governo per rilasciare i file storici della sicurezza nazionale sulle operazioni segrete dell'ASIS in Indonesia, Cambogia e Cile. "Molti australiani avrebbero il diritto di esprimere una legittima preoccupazione se l'ASIS fosse esposto per aver collaborato con la CIA per rovesciare il governo democraticamente eletto del Cile, guidato dal presidente Salvador Allende", ha affermato il professor Fernandes in una memoria legale presentata al tribunale amministrativo di ricorsi australiani a maggio 2021.

In un'udienza a porte chiuse a giugno, i funzionari del governo hanno consegnato a Fernandes centinaia di documenti risalenti dal 1970 al 1973, relativi all'apertura, alla gestione e alla chiusura della stazione dell'ASIS a Santiago. La corte, oltretutto, sta decidendo se obbligare o meno il governo a pubblicare più documenti storici sul Cile.

"Il governo australiano insiste sulla segretezza per evitare di dover ammettere all'opinione pubblica australiana di aver contribuito a distruggere la democrazia cilena” -ha dichiarato Fernandes alla NSA.

Clinton ha presentato copie del libro del National Security Archive The Pinochet File: A Declassified Dossier on Atrocity and Accountability, come prova che la trasparenza rafforzerebbe, piuttosto che danneggiare, la democrazia australiana. Questo estratto riproduce una conversazione tra il primo ministro Gough Whitlam e il direttore dell'ASIS William Robertson nell'aprile 1973.

Dopo l'episodio di Santiago, il primo ministro Whitlam ha richiesto un'indagine su tutte le attività di intelligence australiane da parte della Royal Intelligence and Security Commission: un rapporto segreto in otto volumi, scritto dal giudice Robert Hope, che includeva un resoconto dettagliato delle operazioni in Cile. Parti di questi documenti furono divulgate ai media già nell'ottobre 1974 quando il Sydney Morning Herald pubblicò un articolo intitolato "Le spie aiutarono la CIA a pianificare il rovesciamento di Allende” .

Nel 1977 Whitlam, allora leader dell'opposizione, riconobbe le operazioni in Cile in parlamento: "È stato scritto, non posso negarlo, che quando il mio governo è entrato in carica, il personale dell'intelligence australiana stava ancora lavorando come procuratore e candidato per la CIA per destabilizzare il governo del Cile". Un'indagine pubblicata nel 1990, intitolata Oyster: The Story of Australia's Secret Intelligence Service, di Brian Toohey e William Pinwell, si basava sulle informazioni del rapporto Hope, ma il governo australiano ha censurato il libro prima che fosse pubblicato ed è riuscito a mantenere segreti la maggior parte dei dettagli sulle operazioni della CIA e dell'ASIS in Cile.

A livello internazionale, l'Australia ancora oggi non gode di un'immagine molto trasparente. Due anni fa, il New York Times titolava che l'Australia potrebbe essere la democrazia più segreta del mondo. "Nessun'altra democrazia sviluppata si aggrappa così tanto ai suoi segreti " - aggiungeva quell'articolo.

Infatti, i documenti consegnati a Fernandes contengono poche rivelazioni di operazioni segrete e del suo legame con la CIA in Cile. Quelle sezioni degli atti sono completamente censurate. Non a caso.

Lorenzo Poli - altrenotizie

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «America latina: un genocidio impunito»

Ultime notizie dell'autore «Altrenotizie»

413