il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Mani bianche

Mani bianche

(23 Dicembre 2010) Enzo Apicella
Manifestazioni in tutte le città contro il decreto Gelmini

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

HERA CAMBIA GLI APPALTI, MA NON SMETTE DI SOTTOPAGARE I LAVORATORI: SGB PRONTA ALLO SCIOPERO E ALL’AZIONE LEGALE

(13 Novembre 2021)

manifestazione appalti hera

Da alcuni giorni Hera ha dato avvio alla riorganizzazione del servizio di spazzamento manuale e svuotamento dei cestini nel bacino di Ravenna e Cervia. Cambiano le assegnazioni dei lavori nel raggruppamento di imprese (RTI) che ha ottenuto la concessione da ATERSIR: dal primo di novembre Colas Pulizie è subentrata alla cooperativa sociale San Vitale.

Con il subentro, Colas ha assorbito i dipendenti della cooperativa sociale. Cambia l’appalto, cambiano le imprese, ma i lavoratori continuano ad essere sottopagati, anche se diverso è il sistema per non riconoscere i giusti salari.

Hera e soci sono stati condannati da diversi tribunali a riconoscere differenze retributive per decine di migliaia di euro, per la mancata applicazione del contratto nazionale dell’igiene ambientale nelle ditte in appalto. Anche a Ravenna è in via di definizione una causa contro il Consorzio Formula Ambiente, parte della RTI con Hera.

Per questa ragione Hera e soci sono corsi ai ripari prevedendo per le nuove imprese subentranti l’applicazione del corretto contratto nazionale (CCNL Utilitalia). La modalità di applicazione, grazie alla complicità di CGIL, CISL e UIL, ha però fortemente penalizzato i lavoratori sia dal punto di vista economico che rispetto alle condizioni di lavoro, con aumento dei carichi di lavoro e aggravamento della turnistica.

Con l’accordo sottoscritto da Colas e sindacati confederali infatti i lavoratori sono stati inquadrati ad un livello inferiore rispetto a quello stabilito dal CCNL (al primo livello anziché al secondo) e, in palese violazione delle previsioni contrattuali (indicate nel comma 9 dell’art. 6 del CCNL), si sono visti azzerare l’anzianità maturata, con una perdita di circa 100-200 euro mensili, rispetto al giusto trattamento contrattuale.

Un accordo capestro giunto a conclusione di un confronto sindacale a cui SGB è stata esclusa per espressa volontà di Hera, mostrando quale sia oggi lo spregio per la democrazia sindacale anche in aziende controllate da enti pubblici.

Malgrado ciò la nostra iniziativa sindacale e legale non si ferma.

Al maldestro tentativo di Hera di evitare le condanne nei tribunali, le lavoratrici e i lavoratori di SGB rispondono dando mandato al sindacato di avviare le procedure per la proclamazione dello sciopero e l’azione legale per il riconoscimento del giusto trattamento economico nel passaggio a Colas e delle differenze retributive maturate nel precedente appalto.

Basta profitti sulla pelle dei lavoratori, basta accordi con i sindacati complici.

Federazione SGB Emilia-Romagna – Sede di Ravenna

1566